38 Spesh, la rivincita delle strade

38 Spesh, dopo aver costruito la propria carriera nell’ombra per anni, ora che il rap “hardcore” sta tornando in voga, ha deciso di prendersi il ruolo di leader che gli spetta.

Top Works
  • Stabbed and Shot (38 Spesh & Benny)
    2018
  • Son Of G Rap (38 Spesh & Kool G Rap)
    2018
  • 5 Shots EP
    2019
Condividi

Rochester, New York, a.k.a “Flour City”

In questa puntata di Art of Bars, vi portiamo (dopo la puntata su Eto) nuovamente  a Rochester, stato di New York, per parlarvi di un MC, che, nonostante non abbia, ancora, la visibilità che merita, da anni rappresenta la Cultura Hip Hop, nella maniera in cui dovrebbe essere rappresentata. Infatti, sia rapper che produttore, da più di 10 anni porta alta la bandiera di questo movimento, che ha nelle strade le proprie radici e la cui missione è motivare chi le ha vissute sulla propria pelle, ad affrancarsene, rispettandone i codici.

Stiamo parlando di 38 Spesh, nato (nel 1984) e cresciuto a Rochester, detta anche “Flour City” ( città della farina), sia per via dei mulini, che un tempo caratterizzavano l’attività industriale della città, sia, invece, successivamente, per indicare, nel gergo delle strade, l’ampia diffusione di un altro prodotto, simile nell’aspetto, ma molto più pericoloso.

Rochester è una cittadina di poche centinaia di migliaia di persone, che, sebbene si trovi nello stato di New York, è molto più vicina a Toronto e al Canada, di quanto sia alla capitale dello Stato. Situata nella regione dei Grandi Laghi, non distante, invece, da Buffalo e Syracuse, ne condivide il clima freddo e un elevato tasso di criminalità, dovuto alla depressione economica degli ultimi 20 anni, una radicata presenza del crimine organizzato (anche mafioso) e la prossimità con il confine.

Anche 38 Spesh, ( il cui nome d’arte, d’altronde è ispirato ad uno dei calibri più affidabili), verso la fine degli anni duemila, finisce presto intrappolato nella morsa tra vita di strada e legge, e sconterà due anni di prigione per possesso illegale di arma da fuoco e altri reati.

38 Spesh, Student of The Game

Figlio di un DJ, fin da ragazzino, 38 Spesh viene a contatto con la musica e l’Hip-Hop, iniziando a rappare e a suonare la tastiera. A 16 anni conosce e stringe amicizia con una delle figure più rappresentative della scena Hip Hop di Rochester e dell’ Upstate New York (la zona settentrionale dello stato), ovvero DJ Green Lantern.

Quest’ultimo diventerà famoso negli anni 2000, insieme alla sua crew Team Invasion, per una serie di mixtape leggendari, contenenti remix e tracce di tutti i maggiori artisti di New York e dell‘East Coast. Inizialmente maggiormente focalizzato sul beatmaking, 38 Spesh, viene poi ospitato nei tape di Green Lantern ,solo verso il 2004-2005, facendo il suo esordio ufficiale come rapper.

Però è, solamente, dopo il carcere che decide di concentrarsi sulla carriera musicale, per tentare di affrancarsi dalla vita di strada e non tornare dietro le sbarre.

Già nella realizzazione dei suoi primi mixtape, tra 2008 e 2012, “Out on Bail“, ( registrato realmente mentre era fuori su cauzione),”In Custody” e “Time Served” ( completato una volta scontata tutta la pena), 38 Spesh viene introdotto dal suo amico di lunga data, DJ Green Lantern, a diverse leggende dell’Hip-Hop tra cui DJ Premier, Pete Rock e i The Lox, con cui collabora, più volte. 

Infatti, nonostante la fedina sporca e il trascorso sul campo, nelle strade, è un vero amante della Cultura Hip-Hop e tutti le diversi figure “monumentali” del genere, che incontrerà nel suo cammino, gli  riconosceranno lo spirito autentico e ne rispetteranno il lavoro.

Il rapper di Rochester, già nel 2010, inoltre, aveva intessuto rapporti con diversi personaggi in vista della Grande Mela, da French Montana a Uncle Murda. Nel 2014 confeziona, anche, un album con Kool G Rap, intitolato “Son Of G Rap”, il quale sarà finalizzato e vedrà la luce solo nel 2018. Infatti, 38 Spesh, negli ultimi anni, ha intuito che i tempi sono maturi: dopo un periodo buio, l’Hip-Hop, quello dove contano barre e contenuti, sta tornando in voga, e lui è pronto a prendersi ciò che gli spetta.

38 Spesh & Benny The Butcher e la Trust Gang.

Se, col tempo, 38 Spesh riesce ad avere diversi agganci nella scena Hip-Hop newyorkese, ancora più scontato e di lunga durata è, invece, il  legame con la vicina Buffalo.

Qui, infatti, 38 Spesh, già a fine anni ‘00, entra in contatto con uno degli artisti più in vista del panorama locale, conosciuto tra i vari alter ego come B.E.N.N.Y, molto prima che la Griselda Records, del cugino Westside Gunn, rivoluzionasse il rap game. 

38 Spesh e Benny The Butcher , infatti, non sono solo accomunati dal talento e dalla passione per il rap di strada, ma entrambi la strada l’hanno vissuta veramente, ne portano i segni sulla pelle e condividono mentalità da hustler e fame di riscatto.

Benny diventa, dunque, affiliato al movimento fondato da 38 Spesh, la Trust Gang, e insieme realizzano diversi progetti, come i mixtape “Cocaine Cowboys” 1 & 2 o i “Trust Tape” (arrivati al vol.3), nei quali, oltre al rapper di Buffalo, partecipano gli altri membri della famiglia Trust, come Klass Murda o l’ultima arrivata, la talentuosa Che Noir.

La fame ritrovata di 38 Spesh.

Nel 2018, sull’onda del crescente successo della  Griselda Records, 38 Spesh, come detto, fiutando la montante revanche dello street rap hardcore, che ha piede nella zona dell’ Upstate New York, trova nuova ispirazione.

In due anni, a partire dal classico “Stabbed & Shot” (2018) con, ancora una volta,  Benny The Butcher, e “Son Of G Rap” con Kool G Rap, pubblica tantissimi progetti, dimostrando le sue doti sia di liricista che di beatmaker.

Nel 2019, infatti, partecipa alla produzione di diversi album e compilation con  membri del suo movimento e di alcuni dei più validi MCs della scena underground, come Planet Asia, El Camino, Eto, Rome Streetz e Flee Lord. Inoltre, pubblicherà, anche, gli eccezionali lavori solisti “5 Shots” Ep e “38 Strategies Of Raw”, (seguito di “38 Laws of Power” del 2016) e “Bullet For Every Heaten”, prodotto interamente da Big Ghost Ltd..

I’m tryna figure where the team went
We all took risks, broke bread, had a real agreement
When you was locked, I sent you pink slips when you need it
Said I’d be there soon as your feet feel the cement
But niggas ain’t as real as me here
If I ain’t help you, think of the position you still would be in
You fell victim to your inner demon
It’s inconvenient when somebody say they with ya
But don’t really mean it
You went behind my back pillow-speakin’
Hear the secrets get to spillin’ to these bitches
When you feel a grievance
I never thought that we would end up beefin’
I shoulda seen it, but couldn’t
Still tryna find the missin’ pieces

38 Spesh “Venting” – Strategies of Raw 2019

Grazie ad una naturale leadership, alla comprovata esperienza e alla capacità di tessere legami solidi e organici con gli esponenti della “nuova” scena underground, e diverse leggende dell’Hip Hop , 38 Spesh è riuscito a dare nuova linfa alla sua carriera, pronto finalmente a raccogliere i frutti meritati.

 

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati