Phonk P (Lord Mobb): «Voglio uscire dagli schemi prefissati»

Il rapper di Compton ( Los Angeles ) e membro della crew Lord Mobb ci ha raccontato di cosa vuol dire crescere a Compton a stretto contatto con la cultura delle gang, precisamente i Piru, del suo rapporto con Flee Lord, dei suoi progetti musicali e di come la sua versatilità rappresenti un grande punto di forza.

Essential Projects
  • Gang Tapes
    2017
  • Up's and Down's [x Flee Lord]
    2019
  • Off-White Underbelly
    2022
Condividi

Pace fratello. In primo luogo, vorremmo chiederti qualcosa in più sul tuo background: puoi dirci di più sull’area di Los Angeles in cui sei cresciuto e sulle origini della tua famiglia? Cosa pensi abbia contribuito maggiormente alla formazione del tuo carattere crescendo dove sei cresciuto e come è cambiata la tua città nel tempo, dal tuo punto di vista?

Sono nato come immigrato di prima generazione. I miei genitori vengono dal Belize e sono immigrati negli Stati Uniti nei primi anni ’80 per cercare lavoro e opportunità di una vita migliore per la loro famiglia.

Sono nato a Los Angeles. A metà degli anni ’90 la mia famiglia si è trasferita a Compton, in California. Durante la metà degli anni ’90 Compton era un posto molto pericoloso. A un certo punto era considerata la capitale mondiale degli omicidi. Ogni giorno avvenivano sparatorie e accoltellamenti, spacciatori a ogni angolo.

La merda è sempre la stessa, ma c’è molta più unità tra Crips, Piru e Ese. C’è molta più crescita in arrivo in zona . Ovunque tu ti trovi, finché esiste la natura umana, ci sarà il crimine, quindi non mi aspetto che cambi troppo. Ma in generale, siamo sulla buona strada.

Tutti sanno quanto sia influente la cultura delle gang nelle strade di Los Angeles. Tu come ne sei stato influenzato crescendo?

All’epoca la “cultura delle gang” non esisteva. Sì, è stato mostrato nella musica mainstream a causa di artisti come NWA, Dr Dre, Snoop Dogg, MC Eiht ecc. Tuttavia per me era la vita reale. Quando vivi in ​​trincea, assistere alla violenza è un dato di fatto. Da bambino, la maggior parte delle volte i tuoi coetanei e i tuoi amici facevano parte di una gang.

Mi sono trasferito a Compton quando avevo otto anni. E quando l’ho fatto, ho sviluppato amicizie con dei Piru durante la scuola media, e hanno accettato un n***o a braccia aperte. Quindi sono stato esposto a quello stile di vita abbastanza presto. Ma ero davvero bravo nel football, perciò ero concentrato su quello per la maggior parte del tempo.

Quali sono state le tue più grandi influenze musicali crescendo? Quando e perché hai iniziato a considerare di fare musica e da dove viene il tuo nome Phonk P?

Le mie più grandi influenze hip hop crescendo sono state Big L, Biggie Smalls, Geto Boys, Ice Cube, Sugafree, Lil Wayne, OutKast e i WU Tang Clan.

“Phonk” deriva da un termine Piru, che è usato per chiamarsi l’un l’altro. Allo stesso modo di “Damu”. E’ quasi usato come il termine “fratello” dai Piru. Quindi essendo che il mio primo nome inizia con una P, mi chiamavano tutti “Phonk P”.

Se non sbagliamo, sei un affiliato della crew Lord Mobb. Come sei entrato in questo movimento e quali sono i tuoi legami con Flee Lord e il tuo compagno di squadra e concittadino, T.F?

T.F e io facciamo parte del collettivo LORD MOBB. Ho incontrato Flee Lord tramite Dough Networkz nel novembre 2018. Dough mi ha invitato a fare un viaggio per unirmi a Westside Gunn per uno spettacolo della Griselda.

Nello stesso momento ho conosciuto Conway e Benny. Anche Flee era con loro. Una volta che ho incontrato Flee Lord, ci siamo trovati all’istante sulle stesse vibrazioni. Fottevo davvero con l’ energia di questo mio ne**o. Tanto che da lì abbiamo fissato un appuntamento per realizzare un progetto lo stesso giorno (Ups and Downs).

Quindi il mio fratellino, il mio manager e io abbiamo fatto un viaggio a New York nel febbraio 2019 per lavorare all’album Ups and Downs.

Anche T.F è un mio socio, facciamo sempre pezzi insieme e adoro la sua etica del lavoro. È presente in uno dei miei ultimi album (LOWD Comix 2)”.

Stai lavorando a un album o qualcosa sotto il marchio Lord Mobb? E in generale, quali pensi siano i tuoi progetti musicali più importanti fino ad oggi e perché?

Uno dei miei progetti più importanti è Ups and Downs e Off White Underbelly perché è stata la mia introduzione a quel genere underground. Per quanto riguarda il progetto con LORD MOBB, c’è un Ups and Downs 2 in lavorazione, restate sintonizzati.

Ascoltando la tua musica si percepisce quanto sei influenzato da sonorità diverse e come riesci a muoverti a tuo agio su diversi generi di produzione. Da dove nasce questa tua versatilità? Pensi possa rappresentare un punto di forza o, in qualche modo, possa penalizzarti? Ti stai concentrando su qualche particolare direzione “sonora” in questo ultimo periodo?

Sono un vero fan dell’hip hop e la musica ha sempre fatto parte della mia vita. Traggo la mia versatilità dall’essere un fan dell’hip hop e dall’essere stato esposto a diversi generi musicali dai miei genitori.

Da bambino suonavo la batteria per la band della mia scuola. Penso che la mia versatilità sia la mia forza e ciò che mi distingue dal resto dei rapper nella mia nicchia. Credo che la mia versatilità sta funzionando molto per la mia carriera nel rap perché posso lavorare con diversi produttori e attrarre diversi tipi di pubblico.

Ad esempio, abbiamo adorato il modo in cui rappi sui beat classici nell’EP “Ups and Downs” con Flee Lord, ma anche le tue cose più influenzate dallo stile “westcoast” e g-funk come negli album Eastside Shit o LOWD COMIX 2. Come riesci ad adattare quei diversi vibrazioni e suoni, e in che modo influenzano in modo diverso il tuo modo di scrivere rime o di approcciarti al brano in studio di registrazione?

Riesco ad adattarmi a stili e suoni diversi perché voglio uscire dagli schemi prefissati. Non ci sono barriere per nessuno stile per me.

Sono una persona a tutto tondo e pieno di diverse esperienze di vita. Leggo anche molto, quindi immagino che abbia molto a che fare con questo lol.

Sto prendendo questi campioni e suoni boom bap e sputandoci sopra esperienze di vita da gangster, dando una piega diversa al rap da “backpacker”. Rappando contenuti del genere su quei tipi di beats cambia la dinamica di ciò che ci si aspetta.

Sei anche in grado di mescolare testi più “gangsta” con pensieri più consapevoli. Cosa ti ispira di più quando scrivi le tue rime?

Dio e il mio ambiente sono le cose che mi ispirano di più. Credo che il mio scopo su questa terra sia condividere il messaggio di Dio e allo stesso tempo condividere il mio dolore, la mia esperienza e diffondere amore.

Per esempio il tuo ultimo singolo “Sauce Boss” con Primo Jab si differenzia dagli altri tuoi lavori: anticipa qualche progetto in particolare? E cosa possiamo aspettarci da esso?

Sì , pubblicherò il mio progetto in collaborazione con godBLESSbeatz a dicembre poco prima di Natale.

Il titolo del progetto si chiama “Samples of Eden” e saranno presenti i singoli “Sauceboss” e “Red Laces“. Arriveremo crudi e pesanti su “Samples of Eden“. È letteralmente un lavoro fuori dal mondo.

Siamo una rivista con una forte attenzione alla cultura dei graffiti e Los Angeles è molto conosciuta per questa cultura, ma sappiamo anche che è, diciamo così, fortemente influenzata dalla cultura delle gang. Quindi vorremmo sapere: sei mai stato in qualche modo legato alla scena dei graffiti di Los Angeles? Oppure cosa puoi dirci su come viene percepito questo mondo dei graffiti nella tua città?

I graffiti fanno parte del rap e della cultura artistica in generale, come una componente chiave. Rap/HipHop è considerato l’Optimus Prime. La danza, i graffiti e l’abbigliamento coincidono con esso. Sicuramente è un tipo di arte che si può apprezzare nella città di Compton. Abbiamo graffiti e murales in giro per la città.

Tuttavia, allo stesso tempo abbiamo il “tagging” che secondo me è considerato un cugino dei graffiti. Non viene usato come forma d’arte, ma per esprimere cattive intenzioni nei confronti di un gruppo nemico. Sono come lo Ying e lo Yang.

 

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati