Pro Dillinger: «Umbrella è la crew del momento e per gli anni a venire!»

Abbiamo intervistato Pro Dillinger, rapper e fondatore della crew piu’ calda del momento nella scena Hip-Hop underground americana, la Umbrella Collective. Ci ha raccontato del suo passato, come è nata la Umbrella, cosa possiamo aspettarci dalle sue prossime mosse e molto altro…

Essential Projects
  • Mos Foul (x MosBeats)
    2020
  • Pray for my Prey (x Finn)
    2021
  • Forever Foul
    2022
Condividi

Photo Credits @geemedia_

Bella Pro, siamo davvero onorati di condividere la nostra piattaforma con te perché siamo grandi fan della tua roba… per davvero! In primo luogo, vorremmo conoscere meglio la tua storia: dove sei cresciuto esattamente e come? Sai, ascoltando la tua musica, voce e rime puoi sentire il sapore acre delle strade…

Originariamente sono nato nel Bronx, ma mio padre viveva a Far Rockaway Queens, quindi ho trascorso molto tempo anche lì. Intorno al 93′ mia madre ci trasferì a Rockland County NY (Haverstraw per essere precisi) a circa 40 minuti a nord dello stato del Bronx, nei fine settimana e nelle pause scolastiche stavo con mio padre nel Queens. Sono cresciuto principalmente con mia madre, mia nonna e le zie, ma mio padre era in giro quando poteva esserlo perché era un paramedico e lavorava sempre.

Entrambi i miei genitori hanno lavorato molto, quindi la maggior parte del tempo io e i miei fratelli stavamo in strada solo cercando di stare alla larga dai miei genitori. Alla fine ho preso una strada diversa rispetto ai miei fratelli e ho passato molti dei miei anni più giovani a prendere decisioni sbagliate e ad uscire con le persone sbagliate.

Prendiamo ad esempio la canzone “Hope & Pray” dal tuo ultimo progetto Forever Foul: oggi, come guardi alla tua vita passata in strada e cosa ti ha spinto più di ogni altra cosa a lasciarti alle spalle certe scelte sbagliate e a superarne gli ostacoli?

La mia ispirazione è semplice, aspiro ad essere la migliore versione di me stesso ogni giorno così posso mettermi nella posizione di mantenere mia moglie e i miei figli a proprio agio per il resto della loro vita, se sono per strada ciò non sarebbe affatto possibile.

È impossibile occuparsi della famiglia mentre si è attivamente coinvolti nella politica di strada… “denaro e sangue” non vanno d’accordo!

Il tempo che ho passato per le strade è stato un vero spreco, onestamente. Ho perso un sacco di tempo a fare cose che non avevano alcun peso nella mia vita da adulto con le persone importanti. La cosa che mi ha spinto a concentrarmi sulla musica e lasciare tutto il resto in pace sono stati i miei figli, so che suona generico ma è la verità. Sono il tutore principale per 2 su 3 di loro e prendo sul serio quel ruolo, non voglio più che mio figlio o mia figlia vedano più niente di tutto ciò, preferirei che conoscessero questa versione di me.

Come ti sei innamorato di questa cultura? E a che punto della tua vita hai deciso di fare musica sul serio?

Sono originario del luogo di nascita dell’hip hop, quindi ne ero costantemente circondato senza nemmeno saperlo, graffiti ovunque guardassi, beats potenti con molti bassi che uscivano dalle auto della gente, block parties  e anche la violenza tradizionale che ne derivava.

Ero completamente innamorato della musica in generale sin dalla nascita…mio zio era un salsero quindi assistevo alle sue prove e a volte mia madre mi lasciava andare con lui ai suoi concerti e io portavo la sua attrezzatura.

Avevo un altro zio che era un DJ, mi sedevo con lui per ore e lo guardavo mentre realizzava nastri blend di musica house… mi permetteva di riavvolgere ed etichettare le cassette, quando ne avevamo fatte abbastanza andavo in giro per la città di Jersey suonando il nastro e vendendolo, questa è stata la mia introduzione alla vendita di musica come un vero flusso di reddito perché mio zio stava guadagnava come uno spacciatore con le cassette.

Sapevo di voler diventare un rapper la prima volta che ho tenuto un microfono a casa di mio zio, all’epoca ammiravo davvero MC Hammer perché all’epoca era il più grande in circolazione, quindi mia madre mi comprò un karaoke e c’era una cassetta assieme ed era la cassetta di Hammer “2 Legit 2 Quit” e il lato B era “Have You Seen Her”, entrambe le canzoni avevano la strumentale, quindi provavo su quelle due canzoni ancora e ancora e ancora.

A un certo punto uno dei miei fratelli maggiori venne a trovarci. Quando se ne andò dimenticò  2 tape  a casa mia: Method Man “Tical” e Onyx “Bacdafucup”. Ho perso la testa dopo aver sentito quei 2 dischi.

Quali sono i tuoi primi progetti Rap e quelli che ritieni più importanti per la tua carriera e che ti hanno messo  sulla “mappa” del rap underground?

Il progetto che ha messo in guardia tutti è stato sicuramente “MosFoul” prodotto da mio fratello MosBeats. Avevo pubblicato altre cose prima ma questa è stata sicuramente la mia “festa a sorpresa” per quanto riguarda le persone che prestavano attenzione nell’underground. Il successivo che ha catturato l’attenzione della gente è stato Il mio LP con Finn, “Pray For My Prey”… quel progetto è stato davvero un punto di svolta per me.

Secondo noi, il collettivo a cui appartieni, la Umbrella è il movimento che sta prendendo d’assalto la scena underground… Come hai conosciuto Mickey Diamond, Snotty e gli altri ragazzi della Umbrella Collective?

La Umbrella non è “un movimento”  fratello mio, è “IL MOVIMENTO” in questo momento e negli anni a venire. Questo conglomerato che io e mio fratello abbiamo messo insieme è la cosa più importante in questo mondo oltre alle nostre famiglie per tutti coloro che ne sono coinvolti, fino alla persona con il ruolo più piccolo.

Abbiamo tutti imparato a diventare i capi di noi stessi e i padroni dei nostri destini, abbiamo imparato l’uno dall’altro attraverso errori, tentativi ed errori, i membri più anziani hanno mostrato ai ragazzi più nuovi come guadagnare soldi in questa merda quando molti di noi avevano rappato  gratis per molti anni.

A tutti al di fuori della nostra cerchia sembra che questo sia un movimento che dal nulla sta prendendo d’assalto l’underground, quando in realtà tutto ciò che sta accadendo ora è in lavorazione da 4 o 5 anni ormai, tutto meticolosamente pianificato, ogni relazione è stata guadagnata, ogni dollaro aumentato di valore.

Come è nato questo “cartello” del Rap? Ti sei unito dopo la sua fondazione o hai contribuito a crearlo?

Snotty ed io abbiamo iniziato tutto, siamo i primi 2 Umbrellas o i Big Umbrellas… siamo stati entrambi qui sin dall’inizio e abbiamo creato il concept/infrastruttura della crew insieme ad alcuni altri membri senior o OG tra cui Josiah The Gift, John Creasy, Rob Deniro, Bishop, Fruitless e Ficlopsis, tutti gli altri sono stati aggiunti al roster nel corso degli anni.

Il roster si è evoluto diverse volte, ma questo è il più forte che siamo mai stati dall’inizio. Abbiamo realizzato la Umbrella in modo da poter avere tutte le nostre risorse in casa e non dovevamo essere d’accordo con nessun altro, volevamo solo fare le nostre cose.

Cosa rende la Umbrella così dirompente e speciale nella scena underground in questo momento? Cosa state portando di nuovo nel rap-game?

Siamo diversi perché non lecchiamo il culo, non siamo agli eventi cercando di “fare rete”, non stiamo stringendo amicizie false per anticipare tutti gli altri….tutto ciò che facciamo è organico e autentico, non vogliamo mai essere il genere di ragazzi che fanno le robe per apparenza, per noi è banale.

Il tuo nome rap è sempre stato Pro Dillinger o hai usato anche altri nomi prima? E perché hai scelto questo nome?

Originariamente il mio nome era Protege’, dopo alcuni anni l’ho cambiato in Big Pro, qualche anno dopo ho aggiunto Dillinger e da allora continuo con quello.

Quali sono i tuoi progetti musicali che pensi ti rappresentino in modo più accurato o più personale e perché?

Il progetto che mi rappresenta più accuratamente è P4MP (Pray For My Prey), la produzione di Finn mi ha permesso di tirare fuori l’onestà e il meglio del mio valore artistico davvero facilmente, è stato fantastico lavorare con lui.

Forever Foul e Soul Foul sono i progetti più personali e autentici che abbia mai realizzato, non ho mai pubblicato musica del genere, ma ultimamente sto iniziando a cercare di essere un po’ più personale con il mio pubblico.

Chi sono gli artisti o gli album rap che ti hanno ispirato di più nella tua vita e perché? E che dire di quelli che ascolti di più oggi?

Tical, 36 Chambers, Ready To Die, Illmatic, The Infamous, DoggyStyle e The Chronic mi hanno davvero plasmato come rapper, non avevo mai sentito niente del genere prima… quelle sono state uscite molto importanti per me e ascolto ancora tutti quegli album anche oggi, quando ho bisogno di ispirazione.

Quali pensi siano i passi che ti porteranno ad un livello superiore nel prossimo futuro? Hai qualche collaborazione in arrivo di cui puoi parlarci?

Devo solo assicurarmi di continuare a fare quello che sto facendo, musica di qualità, video di qualità, mosse di qualità, affari di qualità… Non posso parlare troppo delle cose che sto facendo uscire, ma sappi solo che entro quest’anno e il prossimo anno sarò il rapper preferito del vostro rapper preferito!

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati