20 anni fa i Dilated Peoples esordivano con “The Platform”

Vent’anni fa esordivano con “The Platform” i Dilated Peoples, uno dei gruppi più rappresentativi e di successo della scena Hip Hop underground di Los Angeles.

Condividi

La scena Hip Hop underground di Los Angeles tra anni 90 e 2000

Durante gli anni ‘90, il successo, prima, degli N.W.A, poi di Dr.Dre, Snoop Dogg e, infine, della Death Row di Suge Knight e 2 Pac, aveva spostato, grazie al gangsta rap in salsa californiana, l’attenzione mediatica sulla scena Hip Hop di Los Angeles, da quello che era stato il lungo predominio newyorchese. L.A. , nei quartieri più poveri e devastati dalla droga, come Compton o Watts, era stata teatro di rivolte politiche e guerre tra gangs e il gangsta rap ne era diventata la voce, unendo sonorità funk e rime di strada.

Accanto a quest’anima violenta, però, all’interno della scena Hip Hop californiana, coesisteva un vivace movimento underground, distante da questo mondo e dal suo linguaggio, ma, anch’esso estremamente creativo. Già  a partire dai primi anni ‘90, gruppi come i The Pharcyde e i The Alkaholiks rispecchiavano un lato diverso della realtà Hip Hop losangelina, un movimento che negli anni venire continuò a proliferare all’ombra del successo del gangsta rap.

Un grande contributo fu fornito dall’etichetta indipendente Stones Throw Records, fondata da Peanut Butter Wolf e di cui facevano parte, anche, Madlib, ( + J.Dilla) e i Lootpack. È intorno a questo movimento ispirato a vibrazioni positive e lontane dall’immaginario delle gang, che nascono i Dilated Peoples.

Chi sono i Dilated Peoples?

In questa scena underground e “alternativa” californiana, un DJ su tutti, dalle origini filippine, si era fatto notare grazie ai dj set con la sua crew, i Beat Junkies, e per aver conquistato diversi campionati internazionali di Djing. Conosciuto con il nome d’arte di Dj Babu, oltre, ad essere un fenomenale DJ, è anche un beatmaker, iniziò a collaborare con diversi MC’s della scena.

Tra questi, si era, già, distinta grazie ad un paio di singoli e bootleg, una coppia di rapper, composta da Rakaa a.k.a Iriscience, ed un giovane di origini italiane con un passato da writer, di nome Evidence. Con l’aggiunta di DJ Babu, i tre decisero di formare i Dilated Peoples.

The Platform e il successo underground dei Dilated Peoples.

Grazie al flow, la tecnica e la voce di Evidence e Rakaa e agli incredibili scratches di DJ Babu, i Dilated Peoples si fecero presto notare nel panorama underground e ottennero, subito, un contratto con la Capitol Records, pubblicando il loro disco di debutto, “The Platform”, il 23 maggio 2000. Punto di forza del disco saranno, anche, e soprattutto, le produzioni, per la maggior parte curate, da un altro giovane talento californiano, cresciuto artisticamente sotto l’ala DJ Muggs dei Cypress Hill e poi diventato uno dei più rispettati producer della scena Hip Hop underground, ovvero The Alchemist. I restanti beats erano, invece, prodotti dagli stessi Evidence e DJ Babu, oltre alle collaborazioni di Swift degli Alkaholiks, Kutmasta Kurt e Joey Chavez. Tra i featuring al microfono, invece, spiccheranno i nomi di B-Real dei Cypress Hill, i The Alkaholiks, Defari, Phil The Agony, Planet Asia ed Erick Sermon.

L’album si contraddistinse, immediatamente, per le sonorità più simili al rap della East Coast, che a quelle per cui era diventato popolare il rap losangelino (non a caso The Alchemist in quello stesso periodo inizierà a collaborare con i Mobb Deep) e per un approccio incentrato interamente su tecnica e stile. Grazie al talento di Evidence, Rakaa e DJ Babu, “The Platform” ottenne un buon successo di pubblico e critica, seppure liricamente si dimostrò, ancora, acerbo rispetto i lavori successivi.

Il contributo dei Dilated Peoples alla scena Underground.

Los Angeles e tutto il panorama Hip Hop americano, in contemporanea col “declino” del gangsta rap californiano, avevano, trovato, però, un gruppo di artisti con uno stile ed un suono originale ed innovativo. I Dilated Peoples, infatti, pubblicheranno altri quattro album nel giro di pochi anni, ottenendo diversi successi, per poi, una volta terminato il contratto con la Capitol, ritornare indipendenti nel 2014, con il loro ultimo disco “Directors Of Photography”. I tre hanno intrapreso una carriera da solisti. Quella di maggior successo e più prolifica è stata quella di Evidence, il quale ha pubblicato finora 4 album, dedicandosi alle beatmaking e diventando un punto di riferimento della scena Hip Hop underground statunitense, grazie all’originalità della sua voce e del flow.

Con The Platform, il 23 Maggio 2000,  i Dilated Peoples diedero voce alla florida corrente underground e alternativa di Los Angeles. Grazie al loro stile, le formidabile skills e testi più introspettivi, diventandone il gruppo più rappresentativo.

 

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Paolo ha detto:

    Due appunti da fare:
    I dilated peoples in origine sono solo Evid3nce e Rakaa,Dj Babu arriva com il contratto alla Capitol per l’album The Platform.
    Evidence ha fatto 3 album non 4.A questi si aggiungono un ep e 4 volumi della serie Tape instrumentals.