albums of the year 2019

Top 25: i migliori Album Hip-Hop del 2019

Le classifiche di questo tipo, a nostro parere, lasciano il tempo che trovano e sono ciò che di meno oggettivo possa esistere, ma anche noi abbiamo voluto stilarne una per divertirci e, non si sa mai, invogliarvi ad ascoltare qualche album del 2019, che, magari, vi siete persi.

Condividi
The Game - Born 2 Rap

#25 - Born 2 Rap The Game

The Game si è guadagnato il titolo di leggenda dopo aver pubblicato, lungo la sua solida carriera, partita nel 2005, una decina di studio albums, tra cui almeno un paio di “classici”. Quest’ultimo, “Born 2 Rap”, uscito quest novembre, stando alle parole del rapper di Compton, è stato il disco conclusivo della sua gloriosa carriera.  Noi possiamo dire che ne è, indubbiamente, all’altezza, anche se l’unico rammarico è che, con qualche traccia in meno, sarebbe potuto trattarsi di un altro potenziale “classico”.

Consistente

YBN Cordae - The Lost Boy

#24 - The Lost Boy YBN Cordae

Negli ultimi anni, la distanza tra le generazioni di ascoltatori Hip-Hop sembrano essersi dilatate, come se fossero state erette delle barriere invalicabili tra i ventenni di oggi e coloro che sono nati prima degli anni ‘90. Spesso, però le nostre convinzioni sono basate su pregiudizi. Per esempio, YBN Cordae, classe ‘97, è la dimostrazione, per chi pensava il contrario, che anche tra gli sbarbati di oggi ci sono rapper con ottime skills.“The Lost Boy” è un album che mette in mostra l’enorme talento del ragazzo e , soprattutto, il futuro roseo che ha davanti se continua a lavorare duro.

Promessa

DaBaby - Baby on Baby

#23 - Baby on Baby DaBaby

DaBabyè senza dubbio la rivelazione dell’anno: in breve tempo, hit dopo hit a conquistato i vertici delle classifiche e i club di tutt’America. Il rapper della Carolina è un personaggio carismatico, spumeggiante e divertente, come si evince, anche, dalla sua musica e dai suoi videoclip. Il suo “Baby on Baby” è un esordio discografico col botto grazie alle diverse hits al suo interno e all’energia decisamente, contagiosa di DaBaby.

Rivelazione

DJ Muggs x Crimeapple - Medallo

#22 - Medallo DJ Muggs x Crimeapple

Nessuno quest’anno ha lavorato più sodo di DJ Muggs! Il leggendario produttore dei Cypress Hill, infatti, è entrato in una dimensione mistica, a metà tra monaco Shaolin e un “assassino” solitario. Produce basi per pochi eletti : MCs dell’underground  che rispecchiamo religiosamente i gusti del produttore e calzano perfettamente le atmosfere oscure create dal “maestro”. Tra 6/7 album prodotti interamente da Dj Muggs quest’anno, Medallo, insieme al rapper di origini colombiane del New Jersey, Crimeapple, è uno dei migliori.

Sicarios

Jim Jones - El Capo

#21 - El Capo Jim Jones

Jim Jones, nonostante faide varie con altri rappers e diverse vicissitudini legali, è rimasto in qualche modo sempre sulla cresta dell’onda. “El Capo”, prodotto interamente dagli The Heatmakerz, potrebbe essere considerato il miglior lavoro solista del rapper di New York.

Inossidabile

Smif-N-Wessun - The All

#20 - The All Smif-N-Wessun

Gli Smif’n’Wessun sono sulla scena da quasi 30 anni, ma, non è facile invecchiare come “vino buono”. “The All” è un grande ritorno sulla scena dello storico gruppo di Brooklyn, che non scade nella retorica del “com’ era meglio prima”, difetti a volte riscontrabili nelle rimpatriate nostalgiche di vecchie glorie.Tek e Steele, invece, non hanno mai perso lo smalto e anzi dispensano, ancora, perle di saggezza.

Saggi

Maxo Kream - Brandon Banks

#19 - Brandon Banks Maxo Kream

Il Texas conferma di essere una fucina incredibile di talenti e Maxo Kream, dopo l’exploit dell’anno scorso con “Punken” , conferma di essere in costante crescita e decisamente maturato in “Brandon Banks”. Il debutto ufficiale del rapper di Houston è un ottimo esordio, che ne conferma le grandi potenzialità. Se non lo conoscevate già e state cercando una novità interessante dagli Stati del Sud degli USA, Maxo vi stupirà.

Potente

Rapsody - Eve

#18 - Eve Rapsody

Rapsody è una vera regina: una donna fiera e coraggiosa. In un’industria che, spesso, premia le donne che puntano principalmente sulla propria sensualità per avere successo, la rapper della Carolina è sempre rimasta fedele a se’ stessa, puntando tutto sulle proprie skills. Oltre ad essere un personaggio positivo è anche una delle migliori female mc in circolazione negli ultimi anni. In “Eve” mette in mostra la sua stupenda femminilità (oltre al suo grande talento) senza il bisogno di far vedere le sue curve.

Donna forte

Young Thug - So Much Fun

#17 - So Much Fun Young Thug

Piaccia o non piaccia, Young Thug è un innovatore ed anche un incredibile intrattenitore. Le melodie del rapper di Atlanta e le produzioni di cui dispone farebbero muovere il sedere anche ad un palo. “So Much Fun” è il titolo perfetto per quest’album: 19 tracce di puro intrattenimento e stile a pacchi, infarcite di club bangers e ospiti di rilievo.

Stiloso

Dark Lo - American Made

#16 - American Made Dark Lo

Prima di tutto, Dark Lo libero ! La crew di Philadelphia OBH, infatti, è sotto attacco da parte del governo federale degli Stati Uniti: dopo l’arresto di Ar-Ab l’anno scorso, di recente, anche Dark Lo è stato blindato, accusato di intimidazioni a uno dei testimoni chiave nel processo al socio. Per coincidenza, American Made, pubblicato circa un mese prima dell’arresto di Dark Lo, è un album di forte denuncia contro il sistema americano e una  testimonianza delle dinamiche perverse che pervadono le strade del paese. Il rapper di Philly è uscito, a quanto racconta, dai giri della malavita, ma spesso il conto dello Stato viene presentato in ritardo e con “interessi” salatissimi.

Incazzato

38 Spesh - 38 Strategies Of Raw

#15 - 38 Strategies Of Raw 38 Spesh

Uno dei lati più importanti e intriganti dell’Hip-Hop è, che anche se è in superficie, nel mainstream, che girano i soldi e sono puntati i riflettori dei media, esiste un mondo sotterraneo pieno di artisti di incredibile talento. Costoro portano avanti con determinazione la loro passione negli anni e rappresentano il vero spirito di questa Cultura. 38.Spesh, da Rochester (NY), è sicuramente uno di questi. Da anni spinge rap di strada vero, dedicandosi anche a produrre beats. 38 Strategies of Raw è un album real al 100%.

Real

DJ Muggs x Eto - Hell's Roof

#14 - Hell’s Roof DJ Muggs x Eto

Eto, come 38 Spesh, è uno di quegli artisti che portano avanti la loro carriera musicale con passione e per un bisogno espressivo, che permette loro di trasmettere all’ascoltatore un raro senso di autenticità. Eto, anche lui di Rochester, è un poeta di strada che scrive musica matura, adatta a chi riesce davvero a “sentire” le sue rime. DJ Muggs, che vive la sua musica in modo quasi religioso, è in perfetta sintonia con l’ MC di Rochester e il risultato è brillante.

Profondo.

Westside Gunn - Hitler Wears Hermes 7

#13 - Hitler Wears Hermes 7 Westside Gunn

E’ chiaro a tutti che il 2019 è stato l’anno della consacrazione per Westside Gunn e il team Griselda Records: hanno, infatti, sottoscritto un contratto con la Roc Nation di Jay-Z, pubblicato il primo album ufficiale con la Shady Records di Eminem, rilasciato diversi altri progetti indipendenti e visto crescere nettamente la loro popolarità. E il 2020 si preannuncia ancora più promettente. Intanto il leader della crew di Buffalo, Westside Gunn, ci regala un altro esaltante capitolo dell’iconica saga di mixtape Hitler Wears Hermes.

Leggendario

Dave East - Survival

#12 - Survival Dave East

Una volta l’epicentro della scena Hip-Hop era New York., ma il ricambio generazionale post Dipset e G-Unit non ha prodotto figure in grado di raggiungere il successo dei predecessori e, al contempo, di mantenere viva la tradizione e lo spirito autentico dell’ Hip-Hop newyorchese. Finalmente con Dave East, la Mecca dell’Hip-Hop potrebbe aver trovato una figura che colmi questo “gap”. Survival è un album che suona moderno, ma che ha in sé l’anima del vero Hip-Hop dei 5 boroughs.

Solido

ScHoolboy Q - CrasH Talk

#11 - CrasH Talk ScHoolboy Q

Il rapper di South Central, L.A., può vantare uno dei cataloghi più solidi dell’ultima decade. “CrasH Talk” non è sicuramente al livello degli album precedenti realizzati da ScHoolboy Q, che sono però legittimamente considerati alla stregua di “classici” contemporanei del Hip-Hop. In ogni caso, il rap del membro della Top Dawg rimane di livello superiore rispetto al 90% dei rappers in attività e porta in alto la bandiera del gangsta rap made in Los Angeles.

Sicurezza

Gang Starr - One of the Best Yet

#10 - One of the Best Yet Gang Starr

Se ascoltare di nuovo la voce di Guru (r.i.p) non vi ha fatto scendere una piccola lacrima, o siete troppo giovani o non siete davvero amanti di questa Cultura. I Gang Starr hanno fatto la storia di questo genere e a quasi 10 anni dalla morte di Guru (RIP), le sue rime sono ancora attuali. I beat di DJ Premier sono da sempre nati per essere in perfetta simbiosi con la voce del defunto MC e dopo più di 40 anni sulla scena il leggendario DJ e beatmaker dimostra ancora la passione per l’Hip-Hop di un ragazzino.

Nostalgia.

Anderson .Paak - Ventura

#9 - Ventura Anderson .Paak

Anderson .Paak è un’ Artista (con l’“A” maiuscola), a 360°: canta, rappa, suona diversi strumenti, e sa fare benissimo tutte queste cose, con uno stile unico. “Ventura” è un disco Soul, Funk, R’n’B e 100% Hip-Hop che ispira il buonumore. Il fenomeno di Oxnard, California, ogni volta ci fa volare regalandoci musica di altissimo livello ed un verso di Andre 3000, in versione “Acquemini” per l’occasione.

Poesia.

Griselda - WWCD

#8 - WWCD Griselda

Westside Gunn, Conway The Machine e Benny The Butcher sono riusciti a riportare in auge il gangsta rap, dandogli una bella rinfrescata. Nonostante questo fosse il debutto major con Shady Records, non hanno rinunciato ad una virgola del loro stile crudo e alla loro barre sulla vita di strada. Il trio di Buffalo raccoglie l’eredità di gruppi come Mobb Deep, Wu Tang Clan e i The Lox, riuscendoci a farci vivere le loro rime come fossimo in un film di Scorsese.Grazie anche alle produzioni cupe di Daringer e Beat Butcha, “What Would ‘Chine Do” è un pugno in faccia al mainstream. E il tutto è stato registrato in sole 48 ore.

Manata

The Alchemist - Yacht Rock 2

#7 - Yacht Rock 2 The Alchemist

Tra i producer più influenti di questa Cultura, un posto a sedere ce l’ha sicuramente The Alchemist. Il beatmaker californiano è uno studente appassionato di musica, che probabilmente vive nel suo studio, in quanto sempre al lavoro. La sua passione e la sua cultura musicale traspaiono anche in questo “concept” album. Oltre a scegliere e tagliare samples ricercatissimi, si fa accompagnare da alcuni dei più formidabili MCs della scena Hip-Hop underground. Il contrasto creato tra i campioni jazz e soul delle sue strumentali e il rap di strada dei suoi ospiti è qualcosa di eccezionale.

Genio

Che Noir - Thrill Of The Hunt 2

#6 - Thrill Of The Hunt 2 Che Noir

Che Noir è una ragazza di Buffalo che, purtroppo, ancora non tanti conoscono, ma è, sicuramente, uno dei migliori talenti del panorama Hip-Hop americano. Le sue lyrics sono quelle di una ragazza capace di osservare ciò che le succede intorno, nelle fredde strade di Buffalo (NY),  sapendolo raccontare con lucidità disarmante e barre in quantità. Probabilmente nelle acque di Buffalo scorre qualcosa di speciale, perché dalla cittadina a nord di New York, ultimamente, stanno emergendo talenti eccezionali.

Futura regina.

Tyler The Creator - Igor

#5 - Igor Tyler The Creator

È vero, “Igor” non è un album, propriamente,  rap, ma se è per questo, non sarebbe possibile da catalogare in nessun altro genere. Nonostante ciò, è un album puramente Hip-Hop nel suo spirito. D’altronde, essere fuori dagli schemi e provocare sono aspetti insiti in questa cultura. E qui sta la genialità del disco di Tyler The Creator, che oltre a rappare, produrre e cantare, è sempre stato un personaggio, decisamente, eccentrico. Inoltre, “Igor” contiene momenti musicali di altissimo livello.

Psichedelico.

Roc Marciano - Marcielago

#4 - Marcielago Roc Marciano

Ok, Griselda Records è il fenomeno del momento per gli affezionati di un certo tipo di suono, ma se c’è qualcuno da ringraziare, prima di ogni altro, per questo ritorno di fiamma del rap “hardcore” è Roc Marci. Sono passati 10 anni dal suo primo album solista “Marcberg” e da allora l’ MC e producer newyorchese, ex membro della Flipmode Squad, ha dispensato solo musica di primissima qualità, rimanendo indipendente e senza mai compromettere il suo stile unico. Dove trovate un altro che rappa e si produce da solo un album come “Marcielago”?

Leader

Benny the Butcher - The Plugs I Met

#3 - The Plugs I Met Benny the Butcher

Al 3° posto del podio c’è un altro album firmato Griselda Records, ma non si tratta di una sorta di nostra ossessione… Il collettivo di Buffalo per gli amanti dello street rap, come noi di Throw Up Magazine, è una sorta di manna dal cielo e Benny the Butcher è uno dei migliori liricisti che questo genere ha visto negli ultimi, almeno, 10 anni. La sua capacità di dipingere situazioni di strada, come se le stessi vivendo in prima persona mentre le ascolti, è paragonabile solo ad alcune leggende del genere. Non siamo gli unici a pensarla così: di recente, Jay-Z in persona ha voluto mettere sotto contratto Benny e soci e, perfino, il New York Times ha incluso questo EP nei migliori album dell’anno. Non male per uno, che fino a due anni fa, viveva ancora in case popolari.

Fenomeno

Westside Gunn - FlyGod is an Awesome God

#2 - FlyGod is an Awesome God Westside Gunn

Probabilmente molti storceranno il naso, anche tra gli stessi fan del collettivo Griselda Records. In effetti, “FlyGod is an Awesome God” è, forse, uno dei lavori di Westside Gunn più “eccentrici” e più complessi da digerire.

Come un quadro, vale la pena fissarlo per del tempo prima di intuirne la genialità artistica che si cela dietro ad esso. Anche solo per il fatto di riuscire a generare un effetto simile nell’ascoltatore, nonostante i tipici “boo-boo-boom” e del gangsta rap dei più crudi degli ultimi anni, per noi, manco a dirlo, questo album si guadagna il podio.

Illuminante

Freddie Gibbs & Madlib - Bandana

#1 - Bandana Freddie Gibbs & Madlib

Prendi uno dei migliori e versatili MC degli ultimi 10 anni e uno dei produttori più geniali ed originali di sempre, trova l’alchimia perfetta e ottieni Bandana. 

Ancora una volta, Freddie Gibbs è riuscito nel difficilissimo compito di superare se stesso, mentre Madlib dimostra di essere unico nel suo genere, un genio musicale di quelli che nascono ogni “tanti anni”.15 tracce perfette, accompagnate, tra l’altro, da alcuni videoclip che da soli meriterebbero qualche onorificenza.

Da Oscar

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati