Gil Daltro: «Cerchiamo di trarre il meglio dalla vita pazza che viviamo qui».

Abbiamo intervistato Gil Daltro, rapper brasiliano di Salvador, che ci ha raccontato delle bellezze e dei problemi della sua città, del brutto momento storico che sta vivendo il Brasile, di “Subversivo” il suo ultimo lavoro con il beatmaker inglese Giallo Point, della scena hip-hop brasiliana e molto altro…

Condividi

Grazie Gil per averci dato la tua disponibilità a rispondere ad alcune domande. In effetti, ti abbiamo conosciuto grazie al tuo progetto insieme al produttore inglese Giallo Point, “Subversivo” (uscito a inizio gennaio), ma siamo rimasti piacevolmente colpiti. È una buona notizia che questo movimento rap underground stia diventando sempre più globale, coinvolgendo anche la scena brasiliana.

GIL DALTRO: “Ciao frate, com’è?! Apprezzo molto l’interesse per il nostro lavoro e l’invito per questa intervista”.

Puoi parlarci della tua storia e della città in Brasile da cui provieni?

GIL DALTRO: “Sono semplicemente un ragazzo della classe operaia che viene da Salvador e vive a Florianópolis, che respira musica 24/7 da quando esisto. Sono stato nell’hardcore punk e nella musica rap fin da che ero ragazzino, dividendo il mio tempo tra libri politici, skateboard e bande.

Il mio interesse nella politica mi ha portato ai movimenti sociali perciò sono stato coinvolto in alcune proteste e organizzazioni politiche ed operaie durante gli ultimi 13 anni circa mentre facevo musica.

Per quanto riguarda Salvador, è una città magica. Sono qui ora che sto rispondendo a questa intervista. E’ la città più nera del mondo al di fuori del continente africano, casa di gente creativa che può mostrare un grande umorismo, anche vivendo nelle condizioni più dure. Fu la prima capitale del Brasile, patria della samba e di molti movimenti di resistenza durante la nostra storia. È l’avanguardia brasiliana per molte cose, soprattutto quando si parla di cultura.

Ci sono molti problemi, però. Il più grosso è la violenza. È una delle città più militarizzate che abbia mai visto dove la polizia spara prima e dopo chiede. Anche la guerra alla droga uccide molto, da entrambe le parti. Ma cerchiamo di trarre il meglio dalla vita pazza che viviamo qui.

E non spaventatevi, è una visita imperdibile per tutti. Luogo di bellissime spiagge, cibo meraviglioso e musica ad ogni angolo. Non esiste un altro posto così”

Come e perché ti sei avvicinato all’hip-hop? E quando hai deciso di scrivere le tue rime?

GIL DALTRO: “Ricordo di aver ascoltato la musica rap sin da quando ero molto giovane e mi piaceva molto. Era principalmente ciò che veniva dagli Stati Uniti e veniva trasmesso alla radio brasiliana come: Fugees, Puff Daddy e un MC brasiliano chiamato Gabriel O Pensador.

Mi piaceva molto anche il rock e la musica classica, tra le altre cose. Intorno agli 8 o 9 anni, quando ho avuto l’età per iniziare a fare le mie ricerche, ho iniziato a scoprire cose come Beastie Boys, Cypress Hill, DMX, Busta Rhymes, ascoltando anche punk rock e hardcore punk. Insieme a quello c’erano alcune band in Brasile che mescolavano rap e hardcore come Planet Hemp, Pavilhão 9, Charlie Brown Jr che mi piacevano molto.

Ma nel 1998 c’era un gruppo rap brasiliano che ha cambiato il mio intero rapporto con la musica rap e l’hip hop: i Racionais MCs. Ho ricevuto il loro album “Sobrevivendo no Inferno” per il compleanno e questo ha cambiato tutto per me. I testi e i beats mi hanno davvero parlato. In quel momento mi approcciavo alla musica rap solo come ascoltatore.

La mia prima band nel 2001 è stata una band punk rock, e successivamente una band hardcore nel 2005 che si è sciolta nel 2009. Scrivo testi dalla fine degli anni ’90 da bambino. Era principalmente punk rock, ma ho scritto anche della musica rap. Intorno al 2003 o 2004 ho anche iniziato a fare alcuni brani strumentali ma in modo davvero amatoriale e poi ho smesso. In seguito lasciai Ocarina (la mia band hardcore).

Ho preso una pausa dai miei progetti musicali e stavo in piena modalità militante con studenti e movimenti della classe operaia mentre pianificavo il mio prossimo progetto che fosse qualcosa legato al rap, cosa che ho sempre voluto fare ma non ho mai avuto una vera possibilità. Così intorno al 2011, 2012 ho iniziato a fare esperimenti con alcuni software di produzione e a creare dei beats per me stesso in modo da entrare un po’ in un flusso che soddisfasse il mio bisogno di fare musica, mentre iniziavo a scrivere i miei primi testi per un progetto rap che non ho mai pubblicato ( e probabilmente non lo farà mai). Mentre ero impegnato nei movimenti sociali, ho sentito il bisogno di iniziare a scrivere il mio materiale per parlare delle mie opinioni sulle cose. Un paio di anni dopo sono entrato a far parte dei Maus Elementos pubblicando la mia prima canzone rap e facendo i miei primi concerti rap”.

Com’è la scena brasiliana? C’è un movimento solido legato al rap underground? Chi sono i membri di spicco ora?

GIL DALTRO: “Il Brasile ha una scena potente con molti MCs di talento. È un paese enorme con più di 200 milioni di persone e molti problemi da risolvere e di cui parlare. Negli ultimi 5 anni la scena trap è stata dominante e ha raggiunto il mainstream, ma l’underground è resistenza e continua a produrre ad alto livello.

In questo momento, specialmente con le pandemie, non è possibile andare in tour e l’underground qui non ha raggiunto il livello di produzione di vinili perché quella roba qui può essere davvero costosa per produttori e consumatori. Ma è davvero interessante quello che sta succedendo a Salvador in questo momento. Penso che il mio amico Galf AC porterà le cose a un livello superiore.

Anche Ravi Lobo e il suo gruppo Nova Era sono davvero stupefacenti. Marco Gabriel sta facendo delle cose fantastiche. Romer Attack sta arrivando potentemente. Bisogna stare attenti a cosa stanno facendo anche i produttori Jumar Paralelo, Barba Negra e Isac no Beat.

Qual è stato il tuo percorso nella scena hip-hop brasiliana? Quali sono i tuoi progetti più importanti prima di questo “Subversivo”?

GIL DALTRO: Fondamentalmente, alcune dischi dei Racionais MCs, MV Bill, Sabotage, Xis. Questi sono stati alcuni degli artisti che hanno attirato la mia attenzione sulla scena hip hop.

Più tardi, ascoltando Dead Prez e Non Phixion, ho iniziato a voler fare le mie cose. Poi ho incontrato il gruppo brasiliano Gíria Vermelha e sono diventato amico di uno dei suoi membri Hertz (ex Clã Nordestino). Fondamentalmente era il ragazzo che guardavo quando ho iniziato a fare le mie cazzate. In seguito mi sono impegnato in alcune iniziative militanti hip-hop in cui Hertz era coinvolta più di 20 anni fa all’epoca.

Per quanto riguarda il mio materiale, ho messo in pausa il mio progetto personale per unirmi ai Maus Elementos, abbiamo pubblicato l’album “Eles Não Vão Perdoar“. Insieme a questo ho anche realizzato un album solista chiamato “Narrando a Era da Psicose” e la serie VAPOR che ho realizzato con il mio amico Galf AC che ha 4 volumi e siamo pronti al quinto nei prossimi mesi. Ho anche realizzato 6 beat per il programma televisivo americano Texas Metal”.

Com’è nato il tuo legame con il beatmaker inglese Giallo Point e il tuo “Subversivo”? Qual è il concept dell’album e il titolo?

GIL DALTRO: “Fondamentalmente Galf gli ha mandato un messaggio ed è stato davvero ricettivo dopo aver visto cosa stavamo combinando e praticamente in quel fine settimana abbiamo avuto dei ritmi per iniziare a scrivere i nostri EP. Giallo è un ragazzo fantastico che in breve tempo è diventato un amico e un produttore di ispirazione, quindi sono davvero onorato di avere l’opportunità di far uscire SUBVERSIVO con lui.

Il concept di SUBVERSIVO è nato durante la realizzazione. Mentre scrivevo il disco, sembrava sempre più un incitamento sovversivo, soprattutto considerando il governo protofascista brasiliano che abbiamo in questo momento. Così, quando ho ascoltato il pre-mix per intero per la prima volta, l’ho battezzato. Insieme a questo mi è venuta voglia di mettere dei tagli da un’intervista alla rivoluzionaria brasiliana Marighella. Penso che la musica rap possa riguardare molte cose, ma soprattutto in un momento politico come quello che stiamo vivendo in questo momento, non possiamo parlare solo di feste, sesso e alcol come se nient’altro stesse accadendo”..

Hai avuto un buon feedback per l’album? Anche a casa?

GIL DALTRO: “Sì fratello, è stato davvero fantastico. Molte persone diverse me ne hanno parlato. Il più grande giornale dello stato e uno dei più grandi del paese ha pubblicato un articolo al riguardo e tizi di altri stati hanno contattato. Insieme a questo, altri paesi lo hanno ascoltato molto. La mia musica è stata suonata per la prima volta in Indonesia, è pazzesco per me immaginarlo. L’Italia ha mostrato un grande apprezzamento suonandolo in ripetizione su Spotify. Anche Berlino in Germania. Anche alcuni produttori e MC mi hanno contattato per mostrare un po’ di affetto”.

Stai già lavorando ad altro? E con chi ti piacerebbe lavorare?

GIL DALTRO: “Ho un sacco di progetti per quest’anno che usciranno presto. VAPOR Vol. 5 è già registrato e deve essere solo mixato e masterizzato da Tiago Simoes per la pubblicazione. Presto pubblicherò un album interamente prodotto da me. C’è in arrivo anche un EP con Isac e Romer Attack, uno con Jumar Paralelo e Tiago Negão e una partecipazione a un Barba Negra Project.

Pubblicherò anche alcuni singoli e c’è un progetto con un MC straniero ma ne parlerò in un altro momento, stiamo ancora aggiustando alcune cose.

Per quanto riguarda le persone con cui mi piacerebbe lavorare, è stato un lungo sogno realizzare qualcosa con M1 e stic.man dei Dead Prez e anche con Ill Bill.

Sono davvero interessato a ciò che sta facendo Rome Streetz  quindi penso che sarebbe fantastico fare qualcosa insieme. Per quanto riguarda i beatmaker, mi piacerebbe lavorare con Giallo su più progetti e fare qualcosa con Farma, Futurewave e Nicholas Craven un giorno.

Dj Premier e Necro sono nel mio dreamteam beatmaker con cui mi piacerebbe lavorare”.

Com’è la situazione attuale in Brasile? Dall’esterno sembra che tra covid e politica autoritaria non sia un buon momento per il Brasile.. Ci puoi dire il tuo punto di vista? E com’è la situazione nella tua città e regione?

GIL DALTRO: “Le cose qui sono davvero difficili al momento. Molti di quelli che sono morti di COVID, sono morti perché il governo non voleva riconoscere che c’era una pandemia in corso ed agire al riguardo. E’ stata la politica del genocidio. Bolsonaro rappresenta il peggio di quello che possono essere alcuni brasiliani e, sfortunatamente, il movimento di sinistra non si è impegnato a prendere misure più energiche per affrontare il presidente protofascista. Ma si spera che le cose stiano migliorando quest’anno e gli toglieremo la presidenza. A Salvador, la mia città natale, le cose sono ora un po’ controllate, ma alcune restrizioni stanno tornando perché l’H3N2 si sta diffondendo. Ma i decessi sono diminuiti e si verificano soprattutto tra coloro che non hanno preso il vaccino. Non vedo l’ora che le cose migliorino e cominci a metterti in viaggio con un po’ di musica”.

Grazie ancora Gil!

GIL DALTRO: “Grazie per avermi contattato e aver permesso alle persone di saperne di più sul mio lavoro. Pace all’Italia e a tutti i lettori di ThrowUp Mag”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Articoli correlati