Relo racconta Marsiglia e la sua gente. L’intervista.

Abbiamo intervistato il rapper marsigliese, Relo (ex Napo), che ci ha raccontato di Marsiglia, della ricchezza che porta la sua multiculturalità, del presente e passato della fortissima scena Hip-Hop marsigliese e di come attraverso le sue rime descriva tutto ciò.

Condividi

Marsiglia è sempre stato fulcro di una fortissima scena Hip-Hop, ha dato natali a gruppi storici del rap francese come gli IAM o gli Psy-4-de la Rime. Chi sono state le tue più grandi influenze sia in termini di sound che di contenuti?

RELO: “I gruppi o artisti che hanno scosso la mia infanzia e che hanno ispirato il mio stile di scrittura sono stati i LUNATIC, ARSENIK, FONKY FAMILY, SALIF, NUBI, ILL, TANDEM, PSY 4 De la Rime, CARRE’ ROUGE e, ovviamente, IAM. Contenuto e la forma, allora, erano intimamente collegati. Amavo il loro punto di vista di protesta, tanto quanto il loro desiderio di mostrare le proprie emozioni attraverso una grandissima tecnica”.

Nel tuo ultimo album, “La Voix du 13”, vuoi letteralmente dare voce al tuo dipartimento, uno dei più duri della città. Quanto è fondamentale il contesto marsigliese nei tuoi progetti? In che modo trai ispirazione dalla tua città e dalla tua zona?

RELO: “Quando nasci a Marsiglia, possiedi un certo orgoglio di essere marsigliese. Io ci vedo come il piccolo villaggio gallico, separato dal resto della Francia. Ho un amore profondo per la mia città e i suoi abitanti. Quello che io mostro è un’immagine diversa di ciò che i media nazionali e i rapper ( a volte anche della mia stessa città…) vogliono presentare. Mi piace dire che il mio stile è una via di mezzo tra le “cartoline e i TG”.

Ho un processo di scrittura piuttosto particolare, poiché scrivo quasi esclusivamente mentre guido. Quindi prendo molta ispirazione da ciò che vivo e da ciò che vedo. Momenti di vita quotidiana che possono sembrare banali, ma che non lo sono necessariamente quando ci si avvicina da una certa angolazione. La gente dice che sono un rapper di prossimità. Faccio musica per la gente.

Uno dei pregi della città, secondo, noi è sicuramente la sua multiculturalità e la sua apertura, puoi raccontarci anche delle tue origini e del tuo background, e secondo te in che modo questa multiculturalità ha influito sulla scena rap?

RELO: “Sono completamente d’accordo con voi su questo aspetto. La mia città corrobora alla perfezione l’adagio “le nostre differenze, sono una ricchezza”. Io sono il frutto di un mix poco comune. Mio padre è di origine della Guadalupa e mia madre algerina. Con i miei fratelli e sorelle siamo sempre stati immersi in questo mix etnico di culture diverse.

Marsiglia è una città dove è molto difficile essere razzisti, quando si ha un minimo di intelligenza. Frequenti quotidianamente così tante etnie diverse fin dall’infanzia, che non puoi avere questo odio viscerale che i politici o i canali televisivi vogliono instillarti.

E per rispondere alla seconda parte della tua domanda, il rap francese viene dai quartieri dei bassifondi, dove il loro multiculturalismo ha determinato lo sviluppo di questa musica. Per me, questo è il primo vero movimento musicale che ha permesso ai giovani dei quartieri popolari e ai giovani delle zone residenziali di avere successo… indipendentemente dal colore, dalla religione, dal sesso o dall’età.

Come ti sei avvicinato all’Hip-Hop?  Inizialmente, è stata una passione che hai coltivato in solitaria o l’hai condivisa da subito con qualcuno? Qual’è stato il momento in cui hai deciso di prendere il fatto di fare Rap sul serio?

RELO: “Ho iniziato a rappare come molte persone nel cortile delle scuole medie. C’era un supervisore che cercava giovani per partecipare a un contest rap (cosa che tra l’altro non è mai avvenuto) e ci siamo riuniti con un gruppo di amici per farlo. All’inizio eravamo in otto, poi due e alla fine ho continuato da solo.

Fin dall’inizio è sempre stata una passione, ecco perché penso di essere ancora qui oggi, anche se cerco di essere il più professionale possibile penso che, tranne che per un periodo della mia vita, non sono mai riuscito a prenderlo del tutto sul serio. E tanto meglio. E tanto meglio, intendo, altrimenti mi sarei fermato molto prima. Quando vado in studio, ci vado come se stessi andando a giocare a una partita di calcio. (Che è un’altra delle mie passioni).

Guardandoti indietro quali sono stati i passaggi fondamentali della tua carriera? E i progetti più importanti?

RELO: “Penso che ci siano stati diversi traguardi durante il mio percorso. La prima è stata la mia avventura con il mio compagno di vita Allen Akino, quando abbiamo setacciato tutti i posti rap a Marsiglia per fare Freestyle e concerti.

Abbiamo realizzato dei mixtape chiamati “DE QUOI T’ES CAP?” Mescolando debuttanti e rapper più affermati della scena del meridione della Francia. Poi c’è stata la mia firma con l’etichetta NEOCHROME.  Penso che sia stato proprio durante questo periodo che sono diventato più professionale.

Ovviamente c’è la mia partecipazione all’album degli IAM “YASUKE“, che è stato un onore e un privilegio per me e che mi ha aperto molte porte in seguito.

Infine c’è stato il mio ritorno da indipendente e i 2 mixtape con DJ MYST (DJ di Niska, Youssoupha e Keblack) che mi hanno restituito un feedback pazzesco e dove ho trovato tutto il “puro” (come si dice a Marsiglia) che avevo perso.

Marsiglia vive la stessa sorte della città italiana Napoli, una bellissima città portuale con molte contraddizioni ma di cui spesso, ancora oggi, viene evidenziato solo l’aspetto negativo e criminale di Marsiglia. Uscendo dai soliti e ripetitivi cliché, puoi parlarci dei lati positivi e pregi del vivere a Marsiglia? E, secondo te, quali sono stati i fattori che hanno reso Marsiglia, più di altre città francesi, terreno fertile per questa fortissima scena Rap?

RELO: “Già, credo di aver visto in uno studio in cui Marsiglia era la città più soleggiata di Francia, il che non è trascurabile se si sa che per molti esseri umani è un aspetto importantissimo per il morale. Poi c’è la nostra simpatia, il nostro buon umore, la nostra “chiacchiera” che affascina i turisti. Il “saper-vivere” che regna nella nostra città di Marsiglia, questo multiculturalismo di cui parlavi prima.

C’è anche l’atmosfera dello Stade Vélodrome e il fervore dei nostri tifosi che ti trascendono in ogni partita dell’OM, ​​che tu sia tifoso o meno. C’è anche il fatto che sono 3 ore dall’ITALIA o 4 dalla Spagna in auto e questo non è trascurabile per le vacanze 😅. C’è il paesaggio delle insenature che d’estate è un paradiso e il mare ovviamente”.

Come vedi lo street rap in Francia negli ultimi anni in termini di credibilità e originalità? In particolar modo, pensi che la scena marsigliese attuale possa rappresentarlo al meglio? Chi sono i rapper più forti di Marsiglia oggi ?

RELO: “Non so se sono il più legittimato a parlare di “Street rap” perché non sono necessariamente in questa nicchia, ma in modo più globale e se vogliamo parlare solo di credibilità beh… Tranne in certi casi, siamo lontani da questo valore. Siamo più che altro nell’area del personaggio e della fantasia.

Marsiglia è piena di talento, per citarne alcuni… Ci sono ovviamente i miei fratelli REDK, Allen Akino, GINO e ILIES !!! Altri che sono anche super interessanti come L’antidote, Hermano, Caccio e Soumeya. Anche il giovane Zamdane spacca. Per un altro stile dobbiamo contare su Kemmler che negli ultimi mesi sta crescendo. Anche Little Loay è forte, dall’alto dei suoi 12 anni. Poi ci sono i capisaldi come IAM, 3e Œil, Carré rouge, North Power, i rapper della FF che continuano a rappare, Keny Arkana e Alonzo che è da anni nella top 5 francese secondo me. Dopo questi nomi che dico sono davvero specifici per i miei gusti musicali, ce ne sono molti altri che sono molto forti, ma che hanno stili diversi. Soprano e JUL, ad esempio, sono storie di successo incredibili”.

Ascoltando le tue tracce si evince particolarmente la tua volontà di attingere a codici classici, apportando stili e sonorità più fresche e contemporanee. Come sei arrivato ad ottenere questo connubio perfetto? Negli Stati Uniti si sta assistendo ad un “revival” del rap con sonorità più classico: secondo te c’è spazio anche nel mercato francese per un certo tipo di sonorità?

RELO: “Questa è una nicchia su cui lavoro da diversi anni ma che non sono riuscita a definire come volevo. Oggi lo trovo un po’ più preciso e identificabile. Con i beatmaker che mi accompagnano nella mia creazione (il collettivo Skenawin, Member-k, Fabio o Nef) vogliamo davvero riportare la dimensione e il colore del rap marsigliese dell’epoca, con i suoi codici ma con la freschezza del 2021. Ci sono anche molte discussioni con i miei ragazzi Isma e Teddy del gruppo Carpe Diem per mantenere questa coerenza che è importante per noi. Penso che ci siano molte più nicchie oggi di quante ce ne fossero allora e ovviamente quella che stai affermando è una di queste e ha molto spazio! Ragazzi come Alpha Wann, Freeze Corleone e più recentemente Benjamin Epps mostrano che c’è un pubblico a cui piace questo tipo di rap”.

Oltre al Rap ci sono altri generi musicali che ti appassionano? Influenzano in qualche modo i tuoi pezzi?

RELO: “Devi sapere che in fondo sono un infottato del rap francese. Lo ascolto molto! Ma sono anche un fan assoluto di Michael Jackson e Tracy Chapman. Questi sono davvero artisti che, oltre ad essere dei geni, riescono a trasmettervi emozioni incredibili nelle loro canzoni, siano esse orecchiabili o più malinconiche. Mi piace molto anche la musica degli anni ’80, trovo che in questo periodo abbiamo avuto un’esplosione di stili. Non so se ci sia un impatto reale sulla mia musica, ma sicuramente c’è.  Penso che ci sia soprattutto a livello di produzioni e a volte si può sentire”.

In quanto Magazine che si occupa anche di graffiti writing vorremmo chiederti com’è la scena dei graffiti a Marsiglia? Ne sei mai entrato in contatto? E hai qualche nome da consigliarci?

RELO: “Allora non sono molto dentro a quell’ambiente. Ma ho delle persone nel mio entourage ma che sono davvero forti, come Crostwo , che cura anche tutti i miei video, e il collettivo D3.”

Puoi darci delle anticipazioni sui tuoi progetti futuri?

RELO: “Non posso ancora dire nulla al riguardo, ma quello che posso dire è che sarò ancora più presente dell’anno scorso e molto presto! Grazie a voi per questa intervista!”

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati