Tag:
Kaser
Crew:
IGKN3MTeam Goodshape
Città:
Berlino
Nazione:
Germania

Kaser

Nato e cresciuto a Berlino, sono entrato in contatto con i graffiti e la streetart quando avevo 12 anni e ho sviluppato una passione per il disegno nei miei primi anni. Questa passione mi ha portato a studiare architettura, dove ho appreso tecniche, disegno prospettico, luci e ombre, flussi di lavoro e pensiero concettuale. Pieno di creatività dipingo su carta, tele e pareti dopo il mio lavoro quotidiano di architetto. Amo dipingere al sole con gli amici, ma anche solo da solo su tele durante la notte. Quest’anno ho tenuto la mia prima mostra a Berlino Wedding al bar 800A e ho svolto diversi lavori su commissione. Per me l’arte è vita piena di emozioni e ognuno è libero di interpretarla a modo suo. Peace!!

Quando ero in quarta elementare, c'era un laboratorio di graffiti a scuola dove ho iniziato a dipingere lettere su carta e mi sono tuffato nel mondo del lettering e dello styling.
Il mio primo pseudonimo è stato Kase. L'ho scritto per 2 anni fino a quella mattina in cui stavo per andare a scuola con la metropolitana, c'era un wholecare di Kase BAD davanti ai miei occhi. Era chiaro che dovevo cambiare il mio nome!
L'arte è sempre stata qualcosa che mi interessava davvero. Soprattutto la libertà di dipingere qualunque cosa sentissi e senza interessarmi dei giudizi della gente.
Ero affascinato dall'anonimato e dal mistero di chi si celava dietro ai grandi styler. Pensavo a chi aveva dipinto, a come si erano arrampicati su quel tetto e a chi si nascondeva dietro a quello stile…
All'inizio degli anni 2000, creavo sempre più stili di Kaser e facevo parte della mia prima crew, la RSK. Abbiamo sperimentato i bombing di strada durante le vacanze e vivevamo in una società parallela. Un periodo classico per i giovani scrittori berlinesi.
Nel 2016 ho aperto una pagina personale su Facebook e, dopo aver condiviso alcuni dei miei sketch, la crew IGK (International Graff Killers, Ink Game Kartel) mi ha chiesto di unirmi a loro.
Apprezzo molto essere tra artisti che la pensano allo stesso modo in cui ognuno insegna ad un altro. Questo è Hip Hop!
Una volta ho dipinto un aereo a Bangkok in Thailandia, è stata un'esperienza pazzesca e anche un'occasione unica nella vita. È stato speciale perché la superficie è rotonda sull'asse verticale, quindi devi abituarti a dipingere linee su quel supporto.
Ho dipinto treni, ma non ho molto da mostrare e ho anche capito che voglio passare il tempo a dipingere pezzi legali e fare delle pause nel mezzo e sviluppare diversi stili sui muri. Quella parte di adrenalina e azione non è fatta molto per me e va bene così.
Quando fai due pezzi a settimana, non vedi molti progressi nel tuo stile. Ma quando guardi indietro a ciò che hai dipinto nei mesi, puoi notare le differenze...
Non ho un artista particolare che mi ha ispirato tra tutti. Prendo ispirazione da ogni dove: writer, belle arti, architettura, film e cartoni animati...
Penso che sia importante lasciarsi ispirare anche dalla natura e da tematiche non correlate direttamente all'arte...
A Berlino ci sono troppi writer forti per poterli citare tutti. Personalmente cambiano con il tempo. Ad esempio ci sono alcuni writer di cui mi piacciono i colori, ma non le lettere, e viceversa.
Penso che essere il più grande critico della mia arte mantenga viva la mia motivazione. Se non sei mai veramente soddisfatto, c'è ancora spazio per miglioramenti e tante cose da provare.
Sono completamente dipendente dai Graffiti, ma mi godo anche le giornate senza parlarne o disegnare. L'equilibrio mantiene viva la motivazione e anche la consapevolezza che la creatività è un'energia che non è sempre presente.
0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Altri artisti