Selezione Hip Hop di Dicembre

Abbiamo preparato delle brevi recensioni per guidarvi all’ascolto di alcuni dei migliori progetti Hip-Hop del mese, selezionati per voi dalla redazione di Throw Up Magazine. Sintonizzatevi sulle nostre playlist di Spotify e… Buon ascolto!

Condividi
MICKEY DIAMOND x BIG GHOST LTD - GUCCI GHOST

Gucci Ghost Mickey Diamond & Big Ghost Ltd.

Nella scena rap underground a stelle e strisce è diventata quasi una sentenza: quando il misterioso produttore Big Ghost decide di contattare un rapper per creare insieme una sorta di concept album, imprimendolo poi su vinile, solitamente significa che l’emcee contattato sta finalmente per raccogliere i frutti del suo duro lavoro nell’ombra e la sua nicchia di fan è destinata ad allargarsi sensibilmente, passando ad un livello successivo. Oppure, forse, più semplicemente, è lo stesso produttore “fantasma” ad essere dotato di un intuito sopraffino nel intercettare le potenzialità di un MC più rapidamente del mercato, oltre ad avere una spiccata capacità nel cucire addosso al rapper prescelto un vestito confortevole e su misura tramite  le proprie produzioni e concetti. L’ultimo rapper “battezzato” da Big Ghost Ltd. è Mickey Diamond, rapper di Detroit, membro della crew Umbrella, già protagonista di un 2022 incredibile, grazie ad un timbro vocale ed un’estetica inconfondibili, accompagnati da un’etica del lavoro eccezionale, che lo ha portato a pubblicare 6-7 progetti solidissimi solo quest’anno, costruendo, mattone dopo mattone, una nicchia sempre piu’ ampia di fedeli seguaci e scatenando una vera e propria corsa ai drop in edizione limitate dei suoi Lp. (Anche noi ne abbiamo ospitato uno nel nostro shop in collaborazione con Dirty Nails Records). Neanche a dirlo le copie delle varie versioni degli LP di “Gucci Ghost”, il cui concept si ispira senza troppi giri di parole al film “House of Gucci” e all’omicidio di Maurizio Gucci, sono andate esaurite in pochi secondi.

RANSOM & V-DON - CHAOS IS MY LADDER

Chaos Is My Ladder Ransom x V Don

Se la grande industria musicale fosse meritocratica e non consumasse milioni di dollari nel pompare artisti costruiti a tavolino, cercando di inseguire miopemente il prossimo fenomeno mediatico, inflazionato dalla dispendiosa macchina del marketing, un MC come Ransom sarebbe universalmente riconosciuto come uno dei più grandi rapper viventi. Ma la storia non si fa con i se e, purtroppo, men che meno, oggettive qualità superiori e sacrificio ti garantiscono un posto negli annali, dunque Ransom ha deciso, da qualche anno a questa parte, di riprendere in mano la propria carriera e scatenare il caos nell’industria del Rap a suon di manifesta superiorità e integrità, insieme ad un altro manipolo di MC’s e producer ugualmente solidi. Chaos Is My Ladder, il nuovo album dell’MC del New Jersey prodotto integralmente e ottimamente dal sempre eccezionale V-Don, è l’ultimo capitolo di una rivoluzione musicale che parte dal sottosuolo, in cui skills e integrità contano più di budget e compromessi, e della quale Ransom è sicuramente uno dei condottieri più capaci e determinati.

TY FARRIS - PAIN FOR YA VEIN

Pain For Ya Vein Ty Farris

Ty Farris più di altri incarna, grazie alla sua storia, la figura dell’outsider, lo sfidante che partendo dal fondo, combatte per farsi un nome e prendersi la sua chance, colpo dopo colpo. Infatti, nato nelle poverissime strade della 6 Mile nell’East side di Detroit, con alle spalle un’infanzia difficile (leggi la nostra intervista a Ty Farris), riesce a farsi un nome a suon di barre nelle battaglie di freestyle nei piccoli locali della “Città dei motori”. Senza co-sign illustri, o importanti investimenti da parte di case discografiche, ha dovuto combattere con le proprie mani per farsi strada e trovare la maniera di continuare a fare musica, riuscendo a creare la propria realtà indipendente. Il suo ultimo lavoro “Pain For Ya Vein” è un condensato della propria storia e personalità, le quali si riflettono nel modo in cui comunica la propria musica e, barra su barra, incastra rime. Dolore, sacrificio e resilienza sono gli ingredienti principali che hanno portato Ty Farris, nonostante tutti gli ostacoli, a costruirsi una longeva carriera musicale, solo grazie al sudore della propria fronte e alle capacità liriche.

Grea8Gawd - Snowday

Snowday GREA8GAWD

In questo momento, mentre scriviamo, negli Stati Uniti orientali sta, letteralmente, infuriando una tempesta di neve… Chissà se a contribuire a questa bufera di ghiaccio ci abbia pensato anche questo misterioso rapper, comparso solo di recente sui radar della scena underground, ma la cui voce, personalità glaciali e frequentazioni (vedi Hell Rell), in realtà, tradiscono un background navigato, sia per quanto riguarda l’arte del rap, che il vissuto raccontato nelle proprie rime. D’altronde, di GREA8GAWD non ci è dato, per ora, sapere molto, tranne che quasi sicuramente arriva da New York, il suo tono vocale crudo, rispecchia il contenuto delle sue rime, fredde e gelide, e che, sicuramente, non ama mostrare il volto, coperto da un passamontagna. Il suo nuovo tape “SNOWDAY” è come una doccia gelata per chi, come noi, non lo conosceva: dove si nascondeva e da dove arriva? L’inverno e il freddo hanno portato un nuovo predatore nelle lande del rap underground americano.

SNOTTY - CASH FOR GOLD

CASH FOR GOLD Snotty

La Umbrella è, a mani bassi, la crew/collettivo del 2022. Sono riusciti a riunire sotto, letteralmente, al proprio ombrello protettivo, stemma della loro squadra, un team di micidiali spitters e beatmakers, per lo più sconosciuti alla massa, ma accomunati da forti personalità individuali, carisma, comunanza d’intenti e una precisa visione estetica. Facendosi forza l’un l’altro, hanno creato un “cartello” che, quest’anno, ha inondato il mercato di un prodotto crudo e grezzo, che non poteva lasciare indifferenti gli ascoltatori della scena Hip-Hop underground. Snotty è sicuramente uno dei generali e punte di diamante della Umbrella Collective, anche se quest’anno, a causa di vicissitudini legali, ha dovuto in qualche modo defilarsi, riservando il meglio, però, per il finale del 2022. CASH FOR GOLD, il suo ultimo progetto, oltre ad essere ottimamente prodotto e rappato, incarna e rappresenta al meglio l’estetica cruda della Umbrella, sintetizzandone l’incredibile stagione e promettendoci ancora più carne al fuoco per il 2023.

CRIMEAPPLE - YOU’RE DEAD ALREADY

You’re Dead Already CRIMEAPPLE

Per il rapper del New Jersey di origini colombiane, CRIMEAPPLE, Il bilancio di questo 2022 appena concluso si conferma sicuramente positivo. You’re Dead Already, uscito a inizio Dicembre, è il quarto progetto ufficiale e, totalmente indipendente dell’anno (ne ha pubblicato anche un 5° proprio mentre scriviamo), nonostante si sia anche reso protagonista di numerosi live show in diversi continenti, attraversando l’Oceano per una breve tournée Europea. Come ci racconta egli stesso nell’intervista esclusiva rilasciataci per il nuovo numero cartaceo di ThrowUp , ha ormai infranto numerose barriere e il suo nome ha valicato l’asticella dell’underground, grazie ad una sempre più ampia fanbase globale, guadagnata attraverso un sapiente uso della propria versatilità e del bilinguismo inglese-spagnolo. You’re Dead Already, dopo il precedente progetto quasi interamente in lingua spagnola con DJ Muggs, è un fresco ritorno al CRIMEAPPLE “originale”, il quale dimostra ancora una volta di come oramai riesca a continuare a portare avanti prolificamente la sua arte, cambiando pelle e idioma, con estrema naturalezza e senza sforzi.

YOUR OLD DROOG - YOD PRESENTS THE SHINING

YOD Presents: The Shining Your Old Droog

L’MC newyorkese di origini ucraine, Your Old Droog, non sembra sicuramente interessarsi a quali direzioni, trend, o altro, guardi il Rap game statunitense. Nonostante abbia passato stagioni estremamente altalenanti a livello di attenzione e popolarità nel florido mercato underground americano, toccando, anche, livelli sorprendentemente importanti,  YOD continua imperterrito, a testa bassa, a fare solamente ciò che gli piace, senza distrazioni o facendosi influenzare dalle instabili emozioni del “borsino” dei rapper. Come un investitore intelligente, Your Old Droog sa quando tenere un profilo più basso, se il mercato lo richiede: il vero guadagno si ottiene sul lungo periodo. Una freddezza garantita anche da un set di skills e conoscenze ad un livello sopra la media dei rapper cosiddetti underground. Your Old Droog continua a fare il suo rap solido e senza peli sulla lingua, come dimostra questo ennesimo progetto “The Shining”. YOD macina senza sosta un flusso di barre sagaci e irriverenti, con il suo solito stile riconoscibile.

LOUIS DEE - SANGO

Sangò 🇮🇹 Louis Dee

Nel panorama Hip-Hop italiano è difficile poter dire chi sia riuscito davvero a sperimentare qualcosa di nuovo e diverso, senza rinnegare le proprie origini musicali e rimanendo coerente a se stesso e ai crismi di questa cultura. Con Sangò, dopo anni di assenza dalla scena, Louis Dee torna con un progetto ambizioso dal punto di vista sonoro, ma perfettamente lineare con la propria storia e con il proprio passato musicale. È un nuovo percorso, fatto di nuovi punti di vista, ma non un’inversione a 360°, che, spesso, per quanto riguarda altri artisti ha lasciato spiazzati gli amanti del genere. Sangò è qualcosa che da molto, a nostro parere, non si sentiva dalle nostre parti; qualcosa che fa rima con ricerca musicale, ma allo stesso tempo una dichiarazione di amore a questa cultura. Louis Dee dimostra di avere una delle penne tra le più profonde e raffinate in Italia. Non solo, unisce ad essa nuove vibrazioni sonore, flow e melodie, riflettendo su punti di vista ed esperienze di vita di chi ha raggiunto un’età che necessita elaborare determinati pensieri che presuppongono una certa maturità. Un grande merito per la straordinaria riuscita di questo progetto, va sicuramente addebitato a Big Joe. L’alchimia tra il produttore e il rapper palermitano, si percepisce, va ben oltre alla musica.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati