Abys Osmoz Colors Graffiti Intreview

Intervista ad Abys : “I graffiti per riappropriarsi degli spazi urbani”.

Abbiamo intervistato il writer francese Abys che ci ha raccontato dei suoi esordi, delle sue crew, dei migliori writer del momento e dell’impatto culturale del movimento dei graffiti sulla società attuale.

Condividi

Ciao Abys! Grazie per l’opportunità di poterti farti alcune domande. Vorremmo iniziare chiedendoti quando e come è nato il tuo amore per il writing… Hai artisti in famiglia? Ti ricordi di quando hai usato gli spray per la prima volta?

Allora, per quanto ricordo ho sempre avuto una matita tra le mani; mio ​​padre disegnava molto e ho iniziato a 18 mesi. Da allora non ho mai smesso di riempire fogli e fogli. I graffiti sono arrivati ​​dopo; quando ero al liceo. Ho conosciuto Suroh che era già appassionato di writing ma non aveva mai dipinto. Un pomeriggio siamo andati a prendere gli spray. La sera sono andato a “dormire” a casa dei suoi e siamo usciti a dipingere per la prima volta. 

Ho dipinto una pecora rasta con in bocca un cannone, ovvio! Dopodiché, con altri 3 amici abbiamo creato la “Bêêêh Crew” e abbiamo iniziato a dipingere le pecore per le strade. Successivamente abbiamo scoperto diversi punti della città. Altri si sono uniti a noi e abbiamo dipinto per alcuni anni sotto il nome di “La Meute”. Ho amato quel periodo.

Col tempo le persone si sono trasferite, hanno smesso di dipingere e mi sono ritrovato a collaborare con Suroh ancora una volta; come all’inizio, e abbiamo creato Osmoz Colors. Oggi dipingo più spesso con Scaf e Valer che sono una generazione prima della mia e che ho incontrato poco dopo. Mi hanno dato nuove prospettive in un momento in cui passavo più tempo a dipingere da solo, sono dei veri appassionati, e devo loro molto.

Ci puoi parlare delle tue crew, Osmoz e Nid d’Guêpes? Come vi siete conosciuti e come si è formata la crew?

Quando mi sono ritrovato a dipingere da solo con Suroh, i graffiti stavano gradualmente iniziando a prendere piede nelle nostre città e volevamo farne parte più seriamente. Nel corso del tempo, i nostri stili si sono diversificati e opposti al fatto che ognuno di noi ha cercato di mettere da parte le proprie idee per lavorare su un’identità comune, da qui l’osmosi.

Eravamo ancora giovani e il nostro stile mancava di maturità, ma è stata un’esperienza davvero fantastica. È importante scendere a compromessi, per l’arte, per creare un insieme collettivo soddisfacente. Anche se spesso passavamo più tempo a parlare di come avremmo potuto lavorare questo o quel posto più che a dipingerlo. Ora non ha molto senso perché dipingo principalmente da solo ma conservo Osmoz come souvenir, e forse un giorno lavoreremo insieme di nuovo, chi lo sa.

Nid D’Guêpes è una crew di amici che riunisce diversi rapper, artisti di graffiti, dj, ecc… Eravamo abbastanza numerosi, il che ci ha permesso di organizzare tanti piccoli eventi per dare vita ai nostri quartieri e alle nostre città, semplicemente per il piacere di condividere le nostre passioni con chi vuole viverle. Amo quel lato della nostra cultura, anche se tende a perdersi un po’.

Come è stato il percorso nel mondo del writing e come si è evoluto il tuo stile? Potremmo dire che ora è per lo più “figurativo”… È sempre stato così o prima disegnavi più le lettere e ad un certo punto hai deciso di cambiare?

Beh, ho fatto tanta strada; come ho detto all’inizio, ho iniziato dipingendo pecore molto brutte! Lavoravo duramente sulle illustrazioni su carta e prendevo i graffiti come un gioco. Era davvero per passare del tempo con gli amici e ridere; come andare a pescare la domenica! Più tardi, quando scoprii i Maclaim, mi sono reso conto che avrei potuto variare ancora di più i miei dipinti e ho iniziato a fare cose realistiche, come molte altri in quel periodo. Ho lavorato molto e ho perfezionato la mia tecnica! E da quella volta, in nessun modo sono più riuscito a scrivere lettere. Stavo così male, tutti ridevano di me, e c’erano già così tanti writers che ho creato personaggi per tutta la crew per molto tempo!

Con il tempo le cose realistiche non mi interessavano più, sapevo che potevo farlo e volevo creare, non riprodurre, quindi sono tornato a quello che stavo facendo all’inizio e ho ricominciato a disegnare molto. In quello stesso periodo mi sono ritrovato a dipingere da solo e non mi interessava tanto, così ho deciso di dare un’altra possibilità al lettering. A poco a poco ho iniziato a creare composizioni giocando con i personaggi, l’arredamento, le lettere, i colori, gli stati d’animo e più disegnavo, più volevo disegnare, perché c’erano tante possibilità nel destreggiarsi tra tutti questi elementi, e allora, ho iniziato a divertirmi davvero.

I tuoi murales sono fantastici… da dove prendi ispirazione per i soggetti e i puppets?

Quando ero più giovane sognavo di disegnare personaggi per videogiochi o cartoni animati; ma nel tempo la pittura ha preso sempre più piede nella mia vita e alla fine non è successo, ma puoi trarre molta ispirazione dai miei dipinti.

Non sono un grande fan dei videogiochi realistici.Sono sempre stato più affascinato dai giochi divertenti e di vero valore artistico; da tutto l’universo di Mario a Ratchet & Clank passando per Ori, Zelda, worms, banjo e Kazooi, Jack & Dexter, Etc … questo genere di cose mi ispira molto. Quando si tratta di cartoni animati, sono abbastanza sbalordito da ciò che può essere fatto visivamente oggi, anche se ho un debole per le cose più vecchio stile, in breve, nel complesso è una fonte folle di ispirazione.

Ho molti libri e sketch incompiuti. È più una sorta di esercizio e quando devo davvero creare, li prendo dai miei libri e li assemblo, aggiungo altre idee e arrangio il tutto finché non ho un pezzo che mi piace. Dato che non riesco a rendere vivi i miei personaggi, cerco di creare pezzi più vivaci possibili, come una sorta di fermo immagine in piena azione, più o meno … Mi piace quando ci sono dettagli, riferimenti, vita, sentirci nella situazione o inventare una piccola storia.

Quando hai capito: “ok, sono davvero bravo. Posso raggiungere un certo livello nel mondo del writing ”? Hai qualche lavoro di quelli che hai fatto che ti piace di più e a cui sei particolarmente legato?

Onestamente, non mi sono mai veramente attaccato alle murate. Sono stato coperto subito quando ho iniziato, sono andato avanti velocemente ed è fantastico perché non sono mai veramente soddisfatto delle mie produzioni. I colori che rimangono, quando li rivedo pochi anni / mesi dopo, voglio solo coprirli io stesso. Questo è ciò che mi fa andare avanti, mi rende sempre felice quando mi fanno i complimenti per i miei pezzi ovviamente! Ma il mio obiettivo principale è quello di migliorare sempre.

Come e quando hai trasformato la tua passione in qualcosa per cui vivere? Ti sei mai sentito in conflitto tra il business e il rispetto per l’arte e la cultura dei graffiti? Perché?

Quando ho lasciato la casa dei miei genitori, avevo circa 19 anni. Dovevo guadagnarmi da vivere, ho fatto dei lavoretti e poi mi sono deciso a fare qualcosa che mi piaceva. Ho creato la mia attività e ho iniziato a fare decorazioni. All’inizio ero felice di poterci guadagnare anche se non facevo quello che volevo; era formativo,  ma con il tempo mi sono completamente disgustato e ho quasi smesso del tutto. Ho provato ad applicarmi su progetti originali e finalmente mi sono ritrovato. Avevo voglia di creare e i miei clienti il ​​più delle volte cercavano una “stampa da muro”… Quindi ho smesso con tutto ciò.

Per continuare a guadagnare ho iniziato a fare tanti laboratori con i bambini, che erano molto più divertenti che lavorare per i clienti… Il resto del tempo ho dipinto solo perché mi andava. Nel tempo sono riuscito a “ricreare” la mia identità e adesso mi piace dipingere anche per i clienti poiché generalmente mi danno “carta bianca” e mi chiamano per avere le produzioni originali. La gente ti chiama per fare quello che mostri, quindi ora mostro solo le mie cose, tutto va molto meglio.

Secondo te, chi sono i più forti writer al momento?

Francamente, adoro il lavoro e lo stile di così tante persone, sono una bomba! Imbroglierò un po ‘citando una crew , “The Weird”, tutti killer!

Ci sono molti artisti forti e che impressionano in questo momento; ma se dovessi sceglierne uno direi “Maye”, è un mostro… Gli artisti più forti, tutti li conoscono, quindi concludo con alcuni nomi che forse sono un po’ meno conosciuti ma che secondo me sono sottovalutati: Horor, Korsé, Enora & Koye, Zeklo, Koga e tutti quelli che ho dimenticato, sorry

Quale consiglio daresti per i ragazzi che vorrebbero muovere i primi passi in questa disciplina?

Oggi ci sono tanti livelli, alcuni ti fanno venire voglia di entrarci e altri che paradossalmente possono scoraggiare. Il mio consiglio è di perseverare e praticare ancora e ancora, fallire e avere successo, questo è ciò che ti rende più esperto. Non saltare le tappe e soprattutto divertiti!

Quali sono i tuoi più grandi obiettivi e piani per il prossimo futuro?

Soprattutto, continuare  a dipingere e migliorare! Gli ultimi anni sono stati pazzi, ho avuto molta fortuna, sono stato invitato a molti eventi, ho lavorato molto e spero di poter continuare così! Mi mancano però anche i miei piccoli quadri settimanali, dovrò tornarci nel 2021! non è sempre facile unire passione e lavoro. Spero anche di avere l’opportunità di fare alcune murate ed è pazzesco poterlo fare. Ho avuto l’opportunità di farlo o come crew , o in condizioni in cui non potevo davvero fare quello che ho cercato.

In che modo questa situazione pandemica ha cambiato il tuo approccio all’arte? Pensi che la cultura dei graffiti possa essere, in questo particolare momento, motivante? Come?

Naturalmente! i graffiti creano sempre sorprese, è l’arte che arriva al pubblico direttamente per le strade, gratis per tutti, non può che essere motivante e stimolante! Tanto più che in un certo senso nessun movimento è mai stato così vario e ricco e se la cultura dei graffiti ha così tanto successo non è per niente. Le persone che non si ritrovano in un’arte contemporanea troppo elitaria si rispecchiano di più nella cultura dei graffiti che ha in parte evoluto l’arte. E poi le persone hanno bisogno di riappropriarsi degli spazi urbani, di condividere, di creare, è umano…  Anche se siamo fortunati a vivere in tempi di pace, nella nostra società moderna attualmente molto strutturata, penso che ne abbiamo bisogno tutti, non solo in tempi di pandemia.

Personalmente il Corona virus non ha cambiato molto il mio approccio anche se non ho potuto dipingere molto per strada quest’anno, purtroppo, ma ho colto l’occasione per concentrarmi sui miei schizzi e sulle mie tele e poi sono diventato padre quindi tutto ciò ha permesso di fare una pausa e tornare al meglio nel 2021!

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati