Does1, intervista ad un pioniere brasiliano dei graffiti.

Does1, intervista ad un pioniere brasiliano dei graffiti.

Il writer brasiliano Does1 ci ha raccontato dei suoi esordi a fine anni ‘80, del passaggio dal pixação al wildstyle, dell’evoluzione di questa cultura in Brasile e dei valori fondamentali che un writer dovrebbe avere.

Condividi

Ciao Does1, grazie per la disponibilità. Puoi raccontarci le tue origini, il tuo background e cosa ti ha spinto a iniziare con i graffiti?

Ho iniziato con i graffiti nel 1988 e ancora oggi non so bene perché. Qui in Brasile è stato molto difficile avere informazioni sui graffiti. Nel 1990 iniziai a dedicarmi al pixação finché non mi arrestarono. Fu da quel momento, nel 1994, che mi sono dedicato solo ai graffiti e al wildstyle.

La tua biografia racconta che hai iniziato con i graffiti alla fine degli anni ’80, quindi puoi essere considerato, senza dubbio, un pioniere di questa cultura… Puoi dirci come hai visto questo movimento evolvere nel tuo paese e nei dintorni del globo?

Era il 1988, c’erano pochi writers, ma la cosa bella è che la stragrande maggioranza sta ancora dipingendo. È stato molto difficile iniziare qui per mancanza di informazioni ecc… la prima rivista di graffiti che ho visto è stata nel 1996. Non ricordo il nome, ma era americana, poi alcuni video hanno iniziato ad apparire a bomba, e altri writer locali hanno iniziato a fare riviste e video. Oggi abbiamo anche marche di spray dal Brasile, cosa che prima era solo un sogno lontano.

koka + Does1

Da dove viene il tuo nome d’arte? Questo è il tuo primo e ultimo o hai usato altri nomi in passato? A quali crew appartieni?

Avevo altri nomi all’epoca del pixação, non volevo mischiare le 2 cose. Tra le mie crew c’è la HDV, che ho fondato nel 2000 e faccio parte della ODV, dove la maggior parte dei membri sono francesi. Inoltre sono molto orgoglioso di far parte della mitica FXCREW, di New York che oggi compie 27 anni e credo che sia stato un riferimento per molti writer in tutto il mondo.

Secondo te, quali sono le caratteristiche principali che definiscono il tuo stile? E come si è evoluto negli anni?

Credo che l’evoluzione arrivi con la dedizione e l’amore per quello che fai. Il mio stile si è sviluppato e si è evoluto perché amavo i graffiti. Non ho mai dipinto per la moda, né per la fama; la fama deriva dal riconoscimento di quello che fai.

Credo che ciò che definisce il mio stile sia che faccio sempre prima dei bozzetti di ciò che dipingerò sul muro. Mi è sempre piaciuta la forma più aggressiva ed estrema di una lettera e attraverso gli sketch credo che si possa arrivare più preparati al wildstyle. Ho fatto molto freestyle, ma non sono quasi mai riuscito a fare le trasposizioni o i movimenti che riproduco prima su carta.

Oltre ai muri quali altri supporti e tecniche ti piace usare?

Realizzo molti quadri per mostre o anche su commissione. Cerco di mantenermi vicino a quello che faccio sui muri ma sinceramente non mi piace dipingere su tele mentre uso bombolette spray, pennarelli e acrilici.

Hai viaggiato molto in Sud America e nel mondo? Dove hai vissuto l’esperienza più emozionante? Secondo la tua opinione e la tua esperienza personale, perché questa cultura si è diffusa così potentemente in tutto il mondo in molti paesi diversi?

L’unico paese in cui non ho dipinto in Sud America è il Venezuela. Ho avuto qualche opportunità di andare, ma non l’ho mai fatto ma ci sono alcuni paesi in cui sono andato tante volte; in Cile sono stato 5 volte, in Argentina e Colombia 3. Amo dipingere in Sud America perché l’affetto delle persone latine è incredibile; sono stato anche in diversi paesi europei. Ho dipinto anche in Asia ed è stata un’esperienza di 2 settimane a Seoul; ma il viaggio che più mi ha segnato sono state le volte in cui sono andato in Messico dove sono rimasto in totale 2 mesi e parlare la lingua locale ha reso il viaggio ancora più incredibile. Lo scambio di cultura deve essere il punto principale affinché questo forte movimento emerga in molti paesi, l’esperienza di visitare altri paesi è incredibile, in totale ho visto 23 paesi.

Secondo te ci sono differenze stilistiche sostanziali tra le varie zone del Brasile? Quali?

Sì, esiste e in un modo davvero straordinario. Il Brasile è un paese con molta cultura regionale e ogni regione è unica in modo diverso. Ho realizzato graffiti in quasi tutti gli stati del Brasile, dove ogni stato ha una cultura diversa.

Secondo te, quali sono le caratteristiche principali per essere definito un grande writer?

A mio parere le qualità che un writer deve avere sono il carattere, l’umiltà e il rispetto per gli altri. Senza queste cose puoi anche avere uno dei migliori stili al mondo ma per me non sei rispettabile.

Quali sono i tuoi maggiori interessi oltre ai graffiti?

Sono molti anni che mi trovo in questo mondo di graffiti e quasi tutto ciò che penso proviene dai graffiti. Oggi sono più casalingo di prima, mi piace molto stare a casa accanto alla famiglia, andare in un posto dove piantare la semina e mi piace molto cucinare.

Hai progetti o pensieri futuri che vorresti condividere con noi?

Dall’inizio dell’anno penso che Covid-19 abbia cambiato i piani di molte persone, oggi penso solo a fare tutto questo e per quanto riguarda i prossimi piani, non sappiamo come sarà il viaggio dopo questa pandemia, se saremo in grado di viaggiare, ma voglio comunque visitare molti paesi.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati