Espy: “la mia esperienza nei graffiti dal New Jersey a L.A.”

In un’ interessante intervista il writer, nativo del New Jersey e residente a L.A., Epsy, ci ha raccontato della sua ventennale esperienza nel mondo dei graffiti, delle diversità di approcci al suo interno, dei lati positivi della svolta “mainstream” del movimento , del proprio impegno sociale e dell’organizzazione di eventi internazionali.

Condividi

Ciao Espy, innanzitutto, grazie per la disponibilità a rispondere alle domande per il nostro magazine. Vorremmo iniziare chiedendoti quando è nata la tua passione per i graffiti e perchè?

Sono cresciuto nel New Jersey e ho avuto la mia iniziazione ai graffiti grazie a mio fratello maggiore, più grande di due anni. Nel ’97 mi trovai tra le mani la rivista “Scribble” e capii che si poteva ottenere la fama attraverso l’arte e ne fui affascinato. Rimasi colpito da Att di MSK crew e 3A e così decisi di fondare con alcuni amici la DPT crew.

A Los Angeles (dove vivi), come in tutti gli Stati Uniti sono divampate le proteste e la rabbia legittima del popolo afroamericano (e non solo) contro razzismo, diseguaglianze sociali e abusi della polizia… Puoi dare, a noi che l’abbiamo vissuta dall’altra parte dell’oceano solo tramite le immagini della tv e dei social network, una testimonianza diretta di questi avvenimenti? E in che modo secondo te i graffiti e l’arte, in generale, possono dare il loro contributo nella lotta per i diritti e contro il razzismo?

È difficile da spiegare. Posso consigliare alcuni documentari e altri documenti che potrebbero permettere alle persone di capire di più ciò che sta accadendo in questo mondo, ma per quanto riguarda gli americani ci sono tanti lati della storia. Non posso commentare quello che è successo. Il nostro governo sta cercando di conquistare il mondo e i graffiti non stanno facendo molto di più che realizzare murales che ricordano alle persone le ingiustizie verso così tante persone di colore. I miei amici sono alcuni dei più grandi sostenitori del movimento BLM ( Black Lives Matter) come artisti visivi, ma in retrospettiva ci stiamo ancora concentrando sul nostro benessere, invece che sul fatto che l’umanità debba essere più presente. Potrei parlarne a lungo, ma la mia opinione non ha importanza. È quello che faccio per aiutare gli altri ogni giorno che conta.

Qual’è stata l’evoluzione del tuo stile? Da dove nasce la passione per i figurativi, soprattutto, di animali? E quali sono i  supporti e tecniche che preferisci oltre a muri e spray?

Dipingo fin dall’infanzia, quindi mi esercito di base con pittura acrilica e olio con uno sfondo in illustrazione, aerografo e una moltitudine di altri mezzi, ma i graffiti sono la forma d’arte che mi ha attratto più delle altre. Non ci sono regole reali al di là di pochi muri che teniamo nella nostra mente. Il mio stile è sempre stato influenzato dagli artisti europei. Quindi, inizialmente ho iniziato a fare 3d e sono passato al wildstyle nel corso degli anni, che mi piace molto di più perché separa le regole del realismo artistico dal processo di pittura dei graffiti. Negli ultimi anni, vivendo a Los Angeles, ho creato un distretto artistico chiamato Ktownwallz Project. Migliaia di artisti internazionali e locali dipingono da circa dieci anni. Avere l’opportunità di condividere l’arte con la mia comunità mi ha aiutato a crescere come writer. Avere l’opportunità di condividere l’arte con la mia comunità mi ha aiutato a crescere come writer. Stare con altri writer più bravi di me mi ha costretto a fare un passo avanti nel mio gioco. Nessuna scusa, e oltre a questo sono un artista a tempo pieno. Video musicali, scenografie, realizzo murales e dipingo tele per commissioni e per diletto.

Qual’è o quali sono le tue crew? E come sei entrato a farne parte? Hai qualche ricordo in particolare che vorresti condividere con noi?

Sono il co-fondatore di DPT che non ha molti membri in tutto il mondo. La “sister” crew di Znc in cui collaboro da circa 20 anni, che è anche internazionale ed ha molto successo. I ragazzi principali di Znc sono anche membri di Dpt, Katun, Slacsatu, Gore styles … e Psk che è una crew di Los Angeles ma ha anche membri internazionali. Le crew per me sono davvero persone che sei felice e orgoglioso di chiamare amici.

Chi sono gli artisti di graffiti, e non solo, a cui ti ispiri o ti sei ispirato maggiormente in passato? E chi sono i nomi più caldi della scena losangelina?

Sono stato fortemente ispirato da 3A crew e Fx crew Cnskillz e mobber svedesi come Vim Moas, 3d artist australiano Iree e Kes che è anche FX crew. Ci sono così tanti ragazzi della crew di Suk. Sento che l’unico modo per essere un bravo  writer è sapere chi ha aperto la strada alla tua esistenza. Per quanto riguarda Los Angeles ora Pegas Kog Lts è il miglior writer a tutto tondo di LA, fa tutto. Sauter Kog Lts è il re dei cartelloni pubblicitari di LA e anche quasi ovunque. Inoltre, un artista spettacolare e raffinato come Solver Jhf Znc è il più tecnico e pulito. Anche Phosl Bamc è fantastico. Versus Kog Lts sempre attivo e con molti stili. Jesme è un capo nei “walkout” sui ponti… . Ci sono molti writer fighi a Los Angeles, e super attivi, ma questi ragazzi rimangono attivi facendo di più, secondo me con uno stile assuloto. Io sono ogni pezzo che droppano. Sono felice di chiamare la maggior parte di questi tizi “amici” ad eccezione di Phosl. Non lo conosco e voglio essere obiettivo perché conosco molti writer di LA mentre organizzo eventi di graffiti.

Negli ultimi 30 anni, abbiamo visto la Cultura dei graffiti essere, man mano, sempre meno “criminalizzata” e diventare, anche, commercializzata, ma allo stesso tempo, per molti, ha perso quell’essenza di “ribellione” sociale che l’ha sempre distinta… Qual’è secondo te il futuro di questa disciplina?

Una buona quantità di writer, anche quelli che hanno dipinto per molti anni, non sanno come guadagnarci. Quindi, ci sarà sempre una separazione tra i diversi artisti a causa dei loro rapporti personali con questa forma d’arte. Le persone bombarderanno sempre. Le persone pubblicheranno sempre cose stupide, le persone faranno sempre treni e cartelloni pubblicitari, dipingeranno solo legalmente o solo illegalmente. Quindi, questo gioco non cambierà molto, non penso onestamente. Sarà ancora grezzo nella sua essenza, ma le persone cresceranno e cambieranno man mano che invecchiano e così anche le relazioni personali con i graffii. Ho visto personalmente alcuni artisti che amo, passare dalla pittura illegale alla pittura legale in questi 30 anni. Sono più grandi e la loro famiglia non permetterà loro di rischiare per nessun motivo. Poi ci sono anche gli OG che vanno ancora a tutti gli eventi e continuano a dipingere illegali ogni giorno.

Raccontaci del movimento dei graffiti nella tua Città: ci sono tanti eventi? Com’è visto l’illegal? E, invece, c’è molto mercato per chi ha trasformato la sua passione in un lavoro?

Prima di tutta questa quarantena c’erano piccoli eventi praticamente ogni fine settimana. Ho organizzato il Meeting of Style di Los Angeles che ha ospitato più di 250 writer. Era pazzesco, un sacco di arte illegale, ma da quando sono in contatto con l’ente della città sono stato in grado di impedire alle persone di essere arrestate e la loro arte è rimasta intatta poiché sono stato in grado di dimostrare il valore di quest’arte e principalmente la redditività per la città. Diciamolo,i graffiti e la street art sono ormai mainstream in molti modi. Quindi, il turismo aumenta, le imprese ottengono più entrate e tutto aumenta di valore mentre il tasso della criminalità scende. È una situazione abbastanza buona per tutti se hai un buon sponsor che ti rappresenti. Lavoro con molti artisti internazionali e locali che hanno fatto di quest’arte una carriera. Quindi sì, ci sono molte opportunità per guadagnarsi da vivere facendo arte e anche solo graffiti qui in L.A.

Qual’è la tua maggiore ambizione come artista? E che piani hai per il futuro?

Ho intenzione di dipingere murales su larga scala e di viaggiare per il mondo, si spera. Nel frattempo, sono co fondatore di un’organizzazione senza scopo di lucro che utilizza murales e gli artisti per sensibilizzare sull’autismo. Amuse4autism_foundation dove attualmente faccio consulenza artistica e sviluppo per la mia comunità di graffiti e arte. Quindi sono sicuramente sulla buona strada per i miei obiettivi.

Che insegnamento puoi dire di aver tratto da questa Cultura?

Quasi tutto quello che so l’ho imparato da questa comunità di graffiti.

Ascolti parecchia musica mentre disegni? Che musica stai ascoltando in questo periodo?

Credo che la musica sia una forza trainante nel mio lavoro. Non posso dipingere senza di essa perché la maggior parte delle volte la città è così rumorosa, ma principalmente artisti grime ed elettronica o jazz. Ho anche una cultura abbastanza vasta sulla musica, quindi ascolto un po’ di tutto.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati