Intervista Soneka - Makina de Rabsiko

I Graffiti come lezione di vita: intervista al writer brasiliano Soneka

Il writer brasiliano Soneka ci ha parlato di come i graffiti abbiano rappresentato per lui un’occasione di riscatto dalla violenza. Inoltre, ci ha ha spiegato il significato dei suoi nomi d’arte e raccontato della scena brasiliana, del suo lavoro di tatuatore e molto altro…

Condividi

Ciao! È un piacere avere l’occasione di poterti intervistare! Vorremmo iniziare chiedendoti di parlarci delle tue origini: da dove arrivi? quando hai iniziato a dipingere e perché? 

Il piacere è mio di poter collaborare con voi ragazzi. Sono cresciuto e nato nel Distretto Federale del Brasile, ho avuto il mio primo contatto con i Graffiti nella città in cui vivo attualmente, a Ceilândia. Questa città è una delle principali che hanno contribuito alla nascita dell’Hip Hop in Brasile, qui puoi respirare Hip Hop e cultura di strada. A quel tempo camminavo per tutta la città sul mio skateboard e chi vede un sacco di Pixação e alcuni Graffiti, riconoscerà alcuni tag e pezzi di alcuni amici che hanno dipinto.

Non avevo molte aspettative nel futuro. Mi ero già arreso alle difficoltà dei giovani della mia età nel contesto in cui vivevamo. Ero arrivato al punto che dovevo evitare certi posti per problemi che avevo con la polizia, ma un giorno in un negozio comprai la mia prima rivista di Graffiti da quel giorno cambiò tutto. Ho iniziato a informarmi e a disegnare tutti i giorni. Due mesi dopo ho dipinto durante un vernissage di una mostra di “Keith Haring”. Questo universo mi ha consumato, non ho chiesto di entrarci, è lui ad aver scelto me; non ho mai capito perché faccio quello che faccio, lo faccio e basta, è istintivo, come un bisogno di dipingere e disegnare.

Raccontaci del tuo nome d’arte! Per prima cosa abbiamo visto che ti firmi sia Soneka che Makina de Rabisko…qual’è la differenza? Qual è il loro significato e come sono nati?

Questa domanda è fantastica! La traduzione di Soneka è “pisolino”, ed è perché dormivo molto e mi sembrava di avere sonno tutto il tempo, questo soprannome viene dalla mia adolescenza. Soneca è anche uno dei sette nani di Biancaneve, quello che dorme molto haha. ​​Mi è sempre piaciuto avere tag diversi, c’è stato un momento in cui scrivevo Skunk, mentre disegnavo lettere. Makina de Rabisko si traduce come “macchina da scrivere”, ed è nata in un periodo in cui volevo prendere le cose in modo più professionale. Prima ho creato un gruppo di illustrazione con artisti locali e ho usato questo nome, ma non ha funzionato e ora lo uso solo per me stesso. Molte persone mi dicono che è fatto apposta per me perché disegno tutti i giorni ed è stata una coincidenza accidentale, quindi ho continuato a usarlo. Non stavo cercando di definirmi una “macchina”, questo nome è venuto naturalmente ed è correlato al mio stile di vita di disegnare costantemente.

Com’è la scena dei graffiti in Brasile e nella tua città? C’è  repressione nei confronti dell’arte di strada da parte dello Stato? E com’è vissuto, invece, il rapporto tra la comunità e questa forma d’arte, secondo te?

In Brasile i graffiti vanno forte. Ci sono molte persone di talento, molti artisti originali, lavori originali con molto stile, ci sono parecchi tizi che dipingono treni qui. Il Brasile è enorme, è di dimensioni continentali. Ci sono molti talenti nascosti nella mia città oggigiorno e ci sono molte cose illegali. Non ho mai visto così tanti nomi come vedo ora, dipingere per le strade 15 anni fa era facile da vedere, ora è un acquario con squali, molti writer di strada. È una nuova fase nella scena locale, abbiamo più di 60 donne che dipingono e per me è ammirevole. Le produzioni e i murales che piacciono a me non sono molti ma quelli che lo fanno sono fantastici. Il governo ha avviato di recente un dialogo attraverso il segretario alla cultura; ci sono forum e festival a pagamento per i writer ma allo stesso tempo ci sono molti opportunisti che non hanno nulla a che fare con l’arte e rovinano tutto. Alla fine, non possiamo contare sul Governo, hanno alzato la multa per Pixação a 100k reais (circa 25k euro che equivalgono a 100 mesi di reddito minimo in Brasile). Io lavoro senza alcun aiuto da parte del governo, non ci ho mai contato, ma c’è dialogo.

La connessione tra arte e comunità è quella che preferisco; ho fatto laboratori di disegno e didattici socialmente utili sia nelle favelas che in carcere, dove i miei disegni hanno avuto una maggiore accettazione al fine di poter comunicare con le persone che provengono dal mio stesso posto. Credo che ognuno troverà il proprio posto, dobbiamo vandalizzare dove c’è bisogno di distruzione e portare l’arte dove è necessaria la costruzione, i luoghi più poveri, dove vedo che l’arte si innesta perfettamente.

Il tuo stile possiamo dire sia contraddistinto da incredibili puppets, personaggi quasi caricaturali e, a volte, animaleschi: da dove nasce questa tua peculiarità? A cosa ti ispiri?

Questo perché non posso ripetermi e fare la stessa cosa più e più volte, sono sempre infastidito e penso di apportare modifiche, perché, ad essere sincero, vedo molti difetti nel mio lavoro e voglio sempre cambiare. I miei riferimenti sono “Norman Rockwell”, “Vaughn Bode”, “Robert Crumb”, “Sergio Toppi”, mi piace assorbire questo universo fumettistico e illustrativo e metterci sopra la mia realtà.

Cosa vorresti esprimere con le tue opere? C’è un messaggio dietro la tua arte?

Cerco di portare la vita, credo che questa sia la mia missione. A volte qualcuno sta passando una brutta giornata e so che non salverò le loro vite o altro, ma passando davanti a un dipinto possono assorbirne una buona energia. Per me, proprio come la musica, manifesta un’energia buona o cattiva; così fa un dipinto. Siamo esseri naturali e spirituali e tutto ciò che faremo avrà un po’ di ciò che portiamo dentro di noi. A volte sono io che ho una brutta giornata e la pittura mi rallegra. 

Raccontaci della tua passione per la realizzazione di tatuaggi: quando sei passato dai muri alla pelle? E come è avvenuta questa transizione?

Fin da bambino ho guardato i tatuaggi, in quanto la cultura dello skateboard è molto vicina all’universo dei tatuaggi e dei graffiti. Ho fatto il mio primo tatuaggio quando avevo 18 anni e ho tatuato il mio amico all’età di 22. Ad essere sincero cerco ancora di separare una cosa dall’altra, perché per come la vedo io hanno applicazioni diverse. Mi sono già perso cercando di rendere la pelle un muro. Il tatuaggio dura a lungo e deve essere solido, è un’arte bellissima ma ha dei limiti per durare molti anni e mi ci è voluto molto tempo per capirlo.

Sei riuscito a trasformare le tue passioni per i graffiti o i tatuaggi in lavoro? Come?

Il tatuaggio è il mio lavoro, è il modo con cui pago le bollette, mi vesto e nutro la mia famiglia. Mi dedico affinché il mio cliente esca con la massima soddisfazione possibile. Ho davvero una passione per questo, dal momento in cui inizio a parlare con il cliente fino al momento in cui finisco il tatuaggio, lo adoro. I Graffiti mi hanno aperto le porte in molti posti ma non mi hanno dato un lavoro. Ho pensato tante volte di rinunciare a una e restare attaccata all’altra, ma non ci sono riuscito, mi ammalo se non dipingo. Ogni giorno lotto dentro con queste due passioni.

Qual è la tua più grande ambizione?

Onestamente il mio sogno più grande è avere un libro con i miei schizzi. Ho così tanti disegni conservati! Ho parlato con alcuni editori di libri ma non è ancora successo niente, ma credo che ogni cosa nella vita abbia il suo tempo e che questo momento possa ancora arrivare… Penso che un libro possa essere importante perché sono illustrazioni con carta e penna, per comunicare che l’arte può andare nei palazzi o nelle favelas, è alla portata di tutti. Per questo la mia più grande ambizione è quella, in futuro, di poter raggiungere tutti…da chi ha meno a chi ha troppo. 

In che modo secondo te l’arte dei graffiti o l’Hip Hop, in generale, possono dare un contributo alla comunità e aiutare i più giovani a incanalare la loro energia, in qualcosa di positivo?

Totalmente, questo è da dove vengo, amico! Facevo parte di una gang di pixação, ho visto molti dei miei amici morire assassinati. I graffiti mi hanno portato fuori, vivo e respiro questo, i graffiti me lo hanno regalato, mi hanno dato un nome e tutti hanno visto il potere dei graffiti nelle vite delle persone. Conosco persone nate nei luoghi più violenti e i graffiti le hanno rese persone di maggior talento, ne sono testimone.

Vuoi dire e raccontare qualcosa ai nostri lettori che non ti abbiamo chiesto?

Amico, ci sono stati momenti in cui non avevo molto nella vita e oggi quello che ho mi è arrivato è grazie all’arte. Quando stai attraversando alcune brutte situazioni, sappi che non hanno lo scopo di abbatterti ma di renderti più forte e saggio, ti portano alla maturità. Insisto nel fare graffiti, e nello stesso modo in cui mi hanno salvato, possono salvare molti amici in tutto il mondo.Per me il migliore non è quello che dipinge l’edificio più alto ma quello che non si abbatte e non si ferma mai, che non si arrende mai. Noi siamo la resistenza. Fede in Dio.

Ti ringraziamo e ti aspettiamo il prima possibile in Italia!

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati