Graffiti e tatuaggi, la vita secondo Desur

Abbiamo intervistato il writer e tatuatore tedesco Desur che ci ha raccontato come per lui queste due discipline si siano naturalmente intrecciate, delle crew di cui fa parte, di come sia evoluto il suo stile e molto altro.

Condividi

Ciao Desur, è un piacere poterti fare qualche domanda. Puoi raccontarci, innanzitutto, di come ti sei avvicinato alla cultura dei graffiti e Hip Hop e di com’era la scena dei graffiti della tua città quando hai iniziato?

Quando li ho notati per la prima volta, sono rimasto affascinato dalle tag e dai graffiti di tutta la città mentre andavo in giro con la mia famiglia. Doveva essere intorno al 1997. Due anni dopo durante le scuole medie, iniziai a taggare con nuovi amici che mi coinvolsero. Abbiamo taggato l’interno e l’esterno della nostra scuola e la linea 91 dell’autobus che ci portava a scuola e poi a casa. Ripensando a quel tempo, dal mio punto di vista, la scena dei graffiti era solo all’inizio, ma avevo già notato alcune crew che avevano iniziato a bombardare la città. 

Nel 2000 ci siamo trasferiti in un altro sobborgo e attraverso lo skating ho trovato un nuovo amico che aveva qualche anno in più e mi ha mostrato un mixtape di Prinz Porno. La sua musica era totalmente nuova per me ed ero totalmente sbalordito dal suo stile, perché conoscevo solo cosa c’era alla radio. Un anno dopo, quando abbiamo avuto Internet a casa e sono stato in grado di entrare di più nell’Hip Hop e mi sono davvero innamorato. Tuttavia, mi ci è voluto fino al 2011 per incontrare i primi che stavano dipingendo con bombolette spray e ho disegnato il mio primo pezzo. Nel frattempo facevo  solo skating e taggavo. 

Ci puoi raccontare delle tue crew di appartenenza e della loro storia?

Ho iniziato in una crew con attività per lo più illegali, ma pochi anni dopo, quando ho smesso, sono entrato a far parte della Loyals (LS crew) che si è formata nel 2008. Ci conosciamo tutti fin dalla prima infanzia, ma siamo tornati insieme con i graffiti. Nel 2019 sono entrato a far parte della NUOVO crew che ho conosciuto tramite due amici della mia città natale, Kiel, che si sono uniti anche loro prima di me. Questa è composta da persone di diverse città (Kiel, Amburgo, Rostock, Berlino) che apprezzano il tempo speso per le murate e si concentrano su grandi concept invece che su ‘’sveltine senza amore’’. Nel 2017 si è formata la Born to Script e io ne sono entrato a far parte due anni dopo. Questa è una crew mondiale che si concentra principalmente sulle lettere, in particolare sui tatuaggi, ma quasi tutti quelli che si sono uniti hanno un background di graffiti alle spalle.

Desur + Stoker (Bochum)

Desur + Stoker (Bochum)

Come definiresti il tuo stile e come è evoluto negli anni? Raccontaci anche di come hai perfezionato in questo modo il tuo lettering?

Definirei il mio stile come un semi wild-style, che a volte mi piace mantenere semplice e facile. La cosa più importante è avere abbastanza flow e dinamica in ogni pezzo. Lo stile è sempre stata la cosa che mi ha affascinato di più nell’intero gioco dei graffiti e dopo aver provato un sacco di cose, penso che negli ultimi anni, specialmente dopo aver cambiato il mio nome da AFOS a DESUR, ho trovato il mio. Ai tempi stavo cercando di fare tutto in modo simmetrico, ma era difficile con il vecchio nome a causa delle lettere. Quindi sono rimasto bloccato e ho deciso di cambiare nome e fare un restart. Ci sono ancora parti simmetriche ora, ma nel complesso voglio solo avere un pezzo ben bilanciato e armonioso. 

Sulle mie lettere ho fatto i progressi più visibili. Ho iniziato con il tipico stile Chicano, ma non era ben bilanciato e il flusso era strano se ci ripenso ora. Ho praticato giorni e notti per anni e ho anche combinato sempre più influenze nelle mie lettere. Ho creato i miei stili mescolando le cose insieme per creare qualcosa di mio. Inoltre, è soprattutto la tecnica che si è evoluta molto. Non tutto sembra apposto sulla pelle e ovviamente hai bisogno di qualche conoscenza per fare un bel tatuaggio con dei graffiti. Altrimenti non sembra reale o non è lo stesso che sulla carta.

Raccontaci della tua passione per i tatuaggi e di quando hai iniziato a lavorare in questo campo. 

La passione per i tatuaggi l’ho sempre avuta dentro di me… Mentre crescevo, mio padre ed i suoi amici erano già ricoperti di tatuaggi e ricordo di averli trovati super interessanti fin da bambino. Quando ero più grande e già appassionato ai graffiti, ho iniziato a fare tatuaggi a me e ai miei amici e anche altri writer di graffiti hanno iniziato con il tatuaggio. Quando ho visitato un’amica stava per tatuarsi e ho chiesto se potevo provarlo e così stavo facendo la mia prima linea ed è stata la stessa sensazione di quando ho fatto la mia prima linea con una bomboletta spray. Ero così entusiasta del risultato e ho pensato che fosse quello che volevo fare. 

Due anni dopo con molta passione, duro lavoro e un pizzico di connessione ho ottenuto un apprendistato nella mia città natale, Kiel, nel 2014. Dopo alcuni mesi passati a guardare il mio mentore, pulire e gestire lo studio ho fatto il mio primo tatuaggio ufficiale nel Gennaio 2015. Ora, 6 anni dopo, ho ancora la stessa sensazione con ogni prima linea su una nuova pelle e adoro tutto ciò che la circonda. È così bello poter vivere di ciò che ami, viaggiare per il mondo ed essere in grado di lavorare ovunque. Incontrando, collaborando e scambiando con altri artisti ed essere il capo di te stesso senza regole.

Quali sono i punti di contatto che hai notato passando dai muri alla pelle?

Quello che è simile è che sono in grado anche di tatuare tag che a volte sono fatti su carta o muri ma prima di tutto, come detto sopra, non tutto sembra apposto sulla pelle come sul muro. Ad esempio, le forme delle lettere cambiano su un corpo e devi tenerlo a mente. Ad esempio se tatui un cerchio su un corpo rotondo, non rimarrà un cerchio. Ancora più importante è che la tecnica è completamente diversa da muro a pelle. Ciò che richiede pochi secondi su un muro, richiede ore di lavoro e molta pazienza per avere lo stesso effetto.

Qual è il più grande traguardo che senti di aver raggiunto grazie al writing?

In realtà è semplicemente quello di guadagnarmi da vivere con la mia passione.

Come è considerato il mondo dei graffiti in Germania dal tuo punto di vista? Chi sono i writer più forti al momento secondo te?

La Germania non è diversa dagli altri paesi. Abbiamo così tanti writer e ce ne sono di nuovi in arrivo ogni giorno! Con Internet siamo tutti connessi e aggiornati ed è bello vedere questa community crescere in tutto il mondo. Spoare, Median (now Medas), Pork, Phet, Skore 79, Ohm, Mobar, Smoe, Norm, Twik, Pout, Semor.

Pokar + Koma + Cuore + Twik + Agnes + Desur + Spliff1 + Abik + Trazy + Zoxes + Ivel + Hoge + Haecker + Sebel (Hamburg Heimfeld)

Quando si potranno nuovamente organizzare eventi internazionali di graffiti, a quale vorresti prendere parte? E conservi qualche ricordo particolare di eventi a cui hai partecipato?

Mi piacerebbe prendere parte ad alcuni eventi MOS in tutto il mondo e ovviamente agli Urban Giants in Italia, al Pow Wow alle Hawaii e al Roskilde in Danimarca! Ci sono alcuni eventi nazionali a cui vorrei andare come la Schichtweise Jam, a cui sono stato invitato l’anno scorso, ma che purtroppo è stata cancellata a causa del Covid. In realtà mi sono divertito molto in tutti gli eventi semplicemente dipingendo un enorme concept wall con la mia crew o con le persone che ho incontrato durante il viaggio, ma il party Next Level Graffiti vicino a Barcellona è stato uno dei momenti salienti fino ad ora! I ragazzi della crew di Petados mi hanno accolto come se fossimo una famiglia e mi sono sentito molto onorato.

Al di fuori del mondo del writing e dei tatuaggi, chi è e cosa fa Dustin a.k.a Desur?

Onestamente, quasi tutto quello che faccio è connesso alla mia arte. Amo viaggiare perché sono una persona estroversa, ma essendo un maniaco del lavoro tengo sempre gli occhi aperti per la prossima possibilità di entrare in contatto con le persone, lavorare insieme e divertirmi! A causa del Covid, ovviamente è cambiato molto! In isolamento ho passato tanto tempo a casa come non avevo mai fatto prima! Ho anche lavorato a nuovi progetti come i miei set di pennelli per graffiti per Procreate, ma oltre a questo ho trovato un po ‘di tempo per divertirmi a cucinare, cucinare e giocare a Skater.xl sulla Playstation. Per fortuna sono in buona compagnia della mia ragazza e dei nostri due gatti, che mi tengono sempre occupato.

Vuoi aggiungere qualcosa che non ti abbiamo domandato?

Non riesco davvero a pensare ad altro da dire ma mi sento molto onorato e lusingato che mi abbiate chiesto di essere intervistato! Sono molto entusiasta del futuro e di cos’altro verrà!

Desur + Norm

Desur + Norm

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati