I Graffiti secondo Twone

Il writer francese Twone ci racconta la sua passione per il mondo dei graffiti e ci spiega l’importanza di trovare uno stile originale ed unico, per distinguersi dalla massa

Condividi

Perché hai scelto di taggare Twone? È stato il tuo primo nome d’arte?

Avevo molti nomi quando ho iniziato. Poi nel 2006 ho deciso di usare Mr-Two che è poi diventato Two-one (Twone)

Fai parte di qualche crew? Raccontaci com’è nata e il legame tra i suoi membri… Dipingete spesso insieme?

Quando ero giovane, come tanti, avevamo varie crew ma i problemi più che altro nascevano dal fatto che eravamo adolescenti e un po’ ignoranti. Ho sempre dipinto per me stesso e mai per gli altri ma soprattutto con i ragazzi a cui sono legato.

Come hai scoperto il mondo dei graffiti? È una passione o è diventato un lavoro negli anni?

Sono cresciuto vicino ad un posto pieno di graffiti da cui ero molto affascinato da giovane. Poi sulle prime riviste Hip-Hop con 2-3 pagine di graffiti ‘’Seen Ces Med’’ ecc … ho visto tante altre cose che volevo rifare. Questa è la mia seconda moglie o la prima (ahahhah), ​​ma sì è una passione non è il mio lavoro, anche se a volte faccio anche commissioni.

Come descriveresti il ​​tuo stile? Sei uscito dalla tua “zona di comfort” sperimentando qualcosa di diverso?

Il mio stile era piuttosto wild una volta ma con il tempo ho apprezzato anche i lavori astratti e altre cose grafiche. A volte esco dalla mia comfort zone provando cose nuove ma torno sempre alle classiche lettere in wildstyle. Da anni dipingo regolarmente 1 o 2 pezzi a settimana. Ogni volta mi assicuro che sia diversa. Preparo uno sketch e una scelta di colori che funziona, e a seconda del posto decido se fare un wildstyle o lettere più morbide. Cerco di alternare…

Qual è una delle esperienze migliori di quegli anni? Raccontaci l’inizio e il fulcro di questo viaggio artistico.

Uno dei miei ricordi più belli è stato quando ho dipinto a Napoli al famoso evento ‘’Back2TheStyle’’. L’atmosfera era fantastica come anche un’accoglienza super! Un evento da ricordare! Anche finire l’evento da solo è stato un piacere dal punto di vista personale. È stata un’ottima esperienza! Big up ai ragazzi!

Pensi che l’arte dei graffiti abbia un impatto sull’ambiente?

Sì, è chiaro che a livello inquinamento non siamo molto eco friendly ma , hey! è comunque molto basso. Dal punto di vista visivo, siamo artisti e quindi offriamo alle persone emozioni e gioia attraverso i colori. Anche un museo gratuito a cielo aperto con delle tag su un pezzo di colore è un qualcosa di buono per le nostre città e la nostra vita. Per noi che siamo parte di questo movimento ma anche per chi non ci è dentro, senza di essa la vita sarebbe noiosa.

Come spiegheresti questo tipo di arte a certe persone che considerano i graffiti come un deturpazione di proprietà pubbliche e private?

Viviamo solo il nostro tempo ma in generale deturpiamo comunque meno di tutta la merda che succede nel mondo. È pur sempre vernice.

Come descrivi la scena dei graffiti nella tua città? Ci sono differenze rispetto ad altri paesi? Ti ispiri a qualche artista?

Qui di graffiti ce ne sono in quantità ma hanno perso di qualità. C’è sempre stata una grande scena vandal e forse ha un aspetto diverso da prima ma ci sono sempre persone anziane che sono motivate nel fare anche cose carine ed è divertente imparare e dipingere con loro. Non sono mai stato ispirato dai writer della mia città e ancor meno dalla Francia. Ho sempre guardato ai writer americani che mi hanno forse dato qualche buona impressione dei graffiti lì ma mi piace anche la scena tedesca, australiana, neozelandese e ora con IG anche altre cose. Se dovessi menzionare i writer attivi, la lista sarebbe lunga. Tutto ciò che è nuovo e segue il flusso e le dinamiche è nella lista.

Guardando indietro, quali sono i passi importanti della storia dei graffiti che, secondo te, dovrebbero essere tramandati?

Suggerisco di disegnare molto, trovare un proprio stile. Fai quello che ti piace e non darti uno stile come gli altri, fai le cose quando senti che è il momento giusto… che sia per una semplice tag, un treno o una stanza.
Fallo per te stesso!

Grazie a voi e grazie a tutte le persone a cui sono legato!
Twone

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati