Intervista a Taser: «Sono rimasti solo quelli autentici».

Abbiamo intervistato il writer spagnolo, TASER1, che ci ha raccontato di come ha iniziato a scrivere e ad appassionarsi alla cultura Hip Hop, dell’importanza del lettering e del wildstyle nel suo stile. Leggi l’intervista completa.

Condividi

Ciao Taser1. Grazie per la tua disponibilità a questa intervista e complimenti per il tuo lavoro! Vorremmo iniziare chiedendoti di raccontarci da dove vieni e di come e perché ti sei avvicinato alla cultura Hip Hop e del graffiti writing..

Ho iniziato a dipingere nel 2001. Conoscevo i graffiti solo per quello che vedevo per strada, le tag, i pezzi … Quando ero al liceo, un amico ha iniziato a mostrarmi i suoi sketch. È stato fantastico! Ho pensato: Voglio farlo!! ed è così che ho iniziato. Per prima cosa ho disegnato e provato alcuni nomi finché non ho trovato quello che mi piaceva. La stessa cosa è successa con la musica; questo amico ha iniziato a passarmi un po’ di musica rap ed è allora che ho iniziato a creare la mia playlist.

Com’è la vita nella tua città? E com’è vissuto il fenomeno dei graffiti?

Al giorno d’oggi molte cose sono cambiate. Non è più come anni fa. Alcuni hanno smesso di dipingere, altri si sono riavvicinati al writing dopo anni di pausa, altri ancora dipingono pochissime volte l’anno e altri preferiscono le droghe agli spray. Vedo che sono rimasti solo quelli autentici, ad esempio mio fratello Inca.

Come definiresti il tuo stile e come è evoluto nel tempo?

Wildstyle. Mi piace mescolare le lettere con barre e linee rette e, a volte, mi piace anche fare lettere semplici, ma cercando di ottenere un buon risultato. L’evoluzione che vedo è nell’abilità del lettering. Più fine e con altre finiture.

Che importanza ha lo studio del lettering nei tuoi lavori? Parlacene. E quali sono le tue lettere preferite? E perché?

La lettera A. Questa lettera non so perché, ma è quella che uso come guida in modo che nello sketch del pezzo tutto calzi bene e mi piace il risultato finale.

Oltre a scrivere sui muri, che altre tecniche e supporti utilizzi?

In precedenza sì, ora lavoro solo su muro.

Sei riuscito a trasformare la tua passione e il tuo talento in un lavoro?  Come?

Non vivo con il writing, ma se è necessario anche dipingere una volta alla settimana, è il mio momento. Dipingere per qualcuno per soldi va bene. Ma se non sono motivato da quello che voglio o non possono pagare quello che chiedo, non dipingo.

Hai una o più crew di appartenenza? Quali? E hai qualche esperienza o ricordo particolare su avventure con la tua crew, che vorresti condividere con noi e i nostri lettori?

Le mie crew sono EDS e TCK.Queste due crew esistono da molti anni. Alicante e Madrid. Sono molto orgoglioso di farne parte e felice che mi hanno accolto per molto tempo. Veri al 100%.

Qual è la più grande soddisfazione che ti sei tolto grazie ai graffiti?

Grazie ai graffiti, ho incontrato persone davvero incredibili e con loro ho un’ottima amicizia, ho potuto viaggiare e vedere posti.

Quali sono secondo te le più grandi differenze nel mondo dei graffiti rispetto a quando hai iniziato?

Al giorno d’oggi alcune persone credono di aver inventato i graffiti e sembra che il resto di noi debba inginocchiarsi davanti a loro. Questi pensano forse di durare in eterno, e che non scompariranno mai…

Per concludere, ti vorremo chiedere come hai vissuto questo periodo del Coronavirus? Come hai passato il tempo? E com’è stato l’impatto sulla città dove vivi?

Mia moglie ed io abbiamo avuto il nostro primo figlio nel mezzo della pandemia. Per fortuna è andato tutto molto bene. Vivo in un luogo dove i muri sono a 30 secondi di distanza, circondato dal verde e dalla natura. Per ora, questo fottuto virus non è arrivato qui.

 

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati