Mr. Cenz e il suo “Cosmic and Futuristic Space-Funk Style”

Abbiamo intervistato un King dei graffiti di Londra, Mr.Cenz One, che ci ha parlato dei suoi inizi come writer nei primi anni ’90, della sua transizione verso le murate legali e la street-art.

Condividi

Ciao MR.CENZ grazie per averci dato la possibilità di farti qualche domanda, in quanto affascinati dalle tue splendide murate in giro per Londra e in altre città del mondo. Oggi, ormai, sei un artista riconosciuto e affermato, che è riuscito a trasformare la sua passione in un lavoro appagante. Puoi raccontarci dei tuoi esordi a Londra e quando e come è avvenuta questa tua transizione da graffiti writer “fuorilegge” ad artista affermato?

La transizione è avvenuta nei primi anni ’90 dopo essere stato beccato troppe volte e aver causato troppo dolore ai miei genitori. È stato abbastanza naturale anche se ho sempre amato altre forme d’arte e volevo saperne di più al College. Tuttavia, mi sono fermato completamente e ho sempre continuato a portare una penna e fare tag ovunque potessi. Ho visto il potenziale nei graffiti come lavoro e un’opportunità per fare ciò che amavo sin dalla giovane età, quindi questo è diventato più importante dell’attività illegale. Dopo molti anni di insegnamento a giovani in difficoltà con laboratori di graffiti e sviluppo del mio stile in luoghi legali, alla fine sono arrivato a un bivio dove ho trovato qualcosa di speciale che volevo innescare. Avevo iniziato a sperimentarlo con personaggi / ritratti combinandolo con le mie forme di lettere e i sapori della vecchia scuola. Tutto ha funzionato e il mio stile si è evoluto e ho iniziato a dipingere murales per le strade di Londra quasi ogni giorno. Questi non erano tutti punti legali, ma è facile cavarsela senza dipingere lettere, se lo fai di giorno con scale ecc. e se sai come allisciare la polizia con frasi come: “È un progetto comunitario”.

È risaputo che Londra, oggi, è una delle città più video-sorvegliate e controllate del mondo, nonostante ciò in tante zone della città si possono ancora vedere muri di tantissimi graffiti writer…Com’è è evoluto il fenomeno dei graffiti a Londra? Puoi riassumere brevemente ai nostri lettori la storia di questo movimento in questa metropoli e di come l’hai vissuto tu da vicino?

Londra come grande città era in prima linea nell’ondata dei primi graffiti che arrivavano dall’America. Prima di questo successo avevamo i graffiti punk e mod, ma questo non c’era uno stile e una creatività reali. Così, quando il movimento Hip Hop e il libro Subway Art hanno colpito, hanno ispirato un’intera generazione di ragazzini e Londra e l’intero Regno Unito sono esplosi di graffiti. Dato che vivevo vicino al centro di Londra, ho avuto la fortuna di vedere leggende come i Chrome Angles e i London Giants creare pezzi a colori e produzioni in carne e ossa. Questa esperienza mi ha ispirato a iniziare il mio viaggio e avevo molti parchi, edifici abbandonati e metropolitane vicino a dove abitavo. Allora tutti avevano una tag e uscire a fare bombing era un grande evento sociale. È stato pazzesco come ce la siamo cavata ma è stato anche molto divertente.

Raccontaci, per favore, da dove nasce il nome Mr.Cenz One e se hai avuto anche altri monikers in passato. Di che crew hai fatto parte?

Alla fine degli anni ’80 scrivevo “CENCE” ed ero un membro fondatore della crew “Assasinz” del sud-est di Londra. C’erano circa 100 writer in crew che spaccavano con le tag autobus e treni come matti. Allora era tutto incentrato sullo  stile delle mani, questa era una vera arte e il motivo per cui ho scelto il mio nome era solo l’amore per le lettere e il flusso di esse. Negli anni ho aggiunto la “Z” per fare “CENZ” e alla fine, quando sono diventato completamente legittimo, ho aggiunto la “MR”. Da allora sono stato così fortunato a viaggiare per il mondo, incontrare e dipingere con i miei eroi e sentirmi fortunato di far parte della famigerata crew  “FX” di New York.

Soggetti ricorrenti delle tue murate, oggi, sono delle bellissime donne: da cosa nasce la scelta di dipingere questi soggetti e cosa ti ha ispirato?

Fin dai primi giorni ho sempre amato i personaggi, specialmente quelli delle B-girl, quindi volevo esplorare di più  mescolando i graffiti con ritratti d’arte più realistici. Stavo scoprendo che dipingere le lettere stava limitando la mia creatività e volevo interrompere il ciclo, esplorare di più e spingermi tecnicamente. Una volta iniziato, sono rimasto affascinato dai volti e dalle forme femminili delle guance, ecc.

Come definiresti il tuo stile e che altre tecniche e supporti ami utilizzare? Quali sono le opere e i lavori a cui sei più legato?

Descriverei il mio stile come funk spaziale cosmico, alimentato dalla droga e futuristico nell’anima. Ora uso tutte le tecniche che ho imparato negli anni come un unico grande crogiolo. Quei primi giorni che si dipingeva pezzi ogni settimana mi hanno aiutato a sviluppare molte abilità e questa combinazione è ciò che rende il mio lavoro così unico e difficile da copiare. Ho un attaccamento a certi muri e dipinti, ma cerco di non pensarci troppo perché guardare indietro a quello che hai fatto non fa bene alla tua motivazione. Penso sempre al muro successivo e cerco di progredire e concentrarmi sull’avanzamento del mio stile.

Ti capita ancora di scrivere e lavorare con le lettere?

Sì, certo, ma sfortunatamente non ho più avuto la possibilità di andare a dipingere con i miei amici e basta perché sono impegnato a lavorare su progetti e big wall. Voglio davvero ricominciare a dipingere più pezzi e lo farò presto di sicuro e questa voglia non ti abbandona mai. Schizzo sempre i contorni e lavoro con le forme delle lettere nei miei murales, quindi mi sento sempre attaccato alle mie radici.

Chi sono gli artisti a cui ti sei ispirato maggiormente negli anni? E a quali di questi, secondo te, ti senti più affine artisticamente o caratterialmente?

È sempre complicato rispondere a  questa domanda perché mi piace il lavoro di molte persone. Ho un’affinità con chiunque cerchi di spingere l’arte dei graffiti  e faccia cose diverse. Per me lo stile e la forma sono fondamentali, quindi ho persone che spingono l’ethos dei graffiti in altri regni come Kwest, Remi Rough, Sen 2 e Does ecc. Le prime influenze sono ovviamente i writer di New York come Skeme, Dondi ecc. ma anche Londra leggende come Goldie, Mode 2, Snatch ecc

Il sogno di tanti è poter trasformare la propria passione in un lavoro: tu che consigli daresti a coloro che vogliono realizzare questa ambizione? Quali sono i requisiti e i passi indispensabili?

Oggigiorno è molto più facile perché attraverso i graffiti / la street art hai molte opportunità di guadagnarti da vivere, ma devi ancora lavorare sodo. L’etica del lavoro è la cosa più importante, non c’è scorciatoia per ottenere riconoscimento e rispetto. Dedica del tempo a sviluppare il tuo stile e la tua identità di artista e poi cerca di mantenere la tua integrità e non lasciarti conquistare dalla facile via del denaro e del successo commerciale. Sii paziente e dipingi quello che vuoi con passione e le cose buone arriveranno.

Un tempo le discipline del fenomeno Hip-Hop erano molto più connesse: in che modo interagisci con gli altri aspetti di questa Cultura? In che modo ti senti ancora legata ad essa? Chi sono gli MC’s che ascolti più frequentemente?

L’altro elemento della cultura Hip Hop di cui sono stato ossessionato fin dalla tenera età è stato il DJ. Raccoglievo dischi anche di  9 anni fa e lo faccio ancora oggi. Suono ancora e amo l’arte del mixaggio. La musica è molto importante per me e si riflette nel mio lavoro. Ascolto tutti i tipi di musica, ma principalmente funk iniziale, soul, break hip hop ed elettro nuova e vecchia. I miei MC preferiti sono tutti della golden age  come Mc Shan, Biz markie, EPMD e Rakim.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati